Montefalco, in tanti per Daniela Settimi sindaco alla presentazione della candidatura

400

L’attuale vicesindaco parteciperà alle amministrative sostenuta dal centrodestra e non solo – Inaugurata in via Ugo Foscolo 13 la sede elettorale. Presenti esponenti locali e regionali

   

Un numeroso pubblico ha preso parte alla presentazione ufficiale della candidatura a sindaco di Montefalco di Daniela Settimi e all’inaugurazione della sua sede elettorale in via Ugo Foscolo 13. Decine e decine di persone nel pomeriggio di domenica 21 aprile hanno affollato le sale interne dell’edificio, molti costretti a rimanere in piedi e molti altri fuori vista la folla accalcata all’interno. Abbracci, strette di mano e un clima di festa e di impegno per l’avvio di questa campagna elettorale. Dopo quindici anni di esperienza all’interno della pubblica amministrazione montefalchese, prima come assessore al turismo e attualmente anche come vicesindaco della città, Daniela Settimi ha infatti accettato di proseguire il suo cammino politico candidandosi alla guida del Comune, sostenuta da una coalizione che va oltre i confini del centrodestra, composta da Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Noi Moderati, Umbria Civica e Civitas.

“Una decisione – ha dichiarato – che viene dal cuore, dalla passione che ho sempre avuto nell’amministrare questa città. Una scelta per portare avanti il percorso di centrodestra intrapreso da Montefalco, per dare un futuro serio a questa città, uno sviluppo economico che parta dagli imprenditori, dal rapporto con le associazioni e i cittadini, dall’interscambio di esperienze che possano contribuire a una crescita costruttiva per questa città”.

Tra il folto pubblico intervenuto all’evento, presenti anche molti esponenti del mondo politico locale e regionale. Ovviamente, da montefalchese doc e da ex sindaco della città, in prima fila vi era la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei. Sono intervenuti, inoltre, il presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Marco Squarta, candidato con Fratelli d’Italia alle prossime elezioni europee, il consigliere regionale Valerio Mancini, Luca Briziarelli, coordinatore di Noi Moderati per le elezioni comunali e regionali, Michele Toniaccini, sindaco di Deruta e presidente di Anci Umbria, Riccardo Meloni, vicesindaco di Foligno, Lorenzo Schiarea, presidente del Consiglio comunale di Foligno e segretario provinciale di Umbria Civica, e l’assessore comunale di Montefalco, Paola Marzioli. Presenti tra il pubblico anche molti altri amministratori di Montefalco degli ultimi quindici anni.

“Amici – ha sottolineato Settimi – con cui ho fatto almeno una parte di cammino politico insieme. Prima fra tutti la presidente Donatella Tesei con la quale ho sempre avuto un rapporto di grandissima collaborazione, che continuerà anche in futuro e che quindi ci darà anche la garanzia di poter governare insieme all’autorità regionale che è il nostro primo interlocutore. Istituzione con la quale noi ci dobbiamo confrontare costantemente per cercare di reperire fondi e risorse, anche a livello europeo. Con la Regione abbiamo ormai da tempo un rapporto assolutamente proficuo che ci consente di ottenere grandissimi risultati. Ne sono una testimonianza diretta gli 11 milioni di euro di investimenti che abbiamo messo a terra solo in questi ultimi cinque anni”.

Settimi ha quindi illustrato alcuni dei risultati ottenuti in questi anni e anche accennato ad alcuni obiettivi programmatici, puntando ad esempio sulla valorizzazione di un’eccellenza del territorio come il Sagrantino, “condividendo le nostre politiche con gli imprenditori, i principali attori del territorio” e sull’organizzazione di grandi eventi, “per sostenere ancora la nostra economia e i tanti imprenditori che qui investono il proprio denaro e che da questo territorio devono avere le giuste risposte sia in termini economici ma soprattutto di soddisfazione. Solo dalla passione di governare insieme una città si ottengono grandi risultati”. Continuando a illustrare sinteticamente gli obiettivi del suo programma, Settimi non ha poi dimenticato di citare la necessaria attenzione da porre alle tematiche sociali e alla cura, alla manutenzione e allo sviluppo delle frazioni.