Migliora la qualità dell’aria a Perugia rispetto al 2015

551

Alla data del 20 dicembre 2015 a Perugia le centraline installate avevano registrato 28 superamenti giornalieri dei limiti di legge nel Parco Cortonese, 31 a Ponte San Giovanni e 17 a Fontivegge, mentre a Terni erano 51 gli sforamenti registrati a Borgo Rivo, 40 a Terni Via Carrara e 58 a Le Grazie, a Foligno 30, a Narni 28 e a Città di Castello 19. Alla stessa data del 2016, a Perugia il numero di superamenti del limite di PM10 dal 1° gennaio è diminuito rispettivamente a 15, 18 e 11, mentre Terni, seppur anch’essa in diminuzione, resta sempre in cima alla classifica con 43, 41 e 50 registrazioni, mentre salgono Foligno (da 30 a 32 superamenti), Città di Castello (da 19 a 24) e Narni (da 28 a 33). Sono questi i dati umbri forniti dal Vicesindaco e Assessore all’Ambiente del Comune di Perugia, Urbano Barelli, nel corso dell’incontro che si è tenuto stamattina all’Università per la presentazione del progetto Mapec relativo all’inquinamento da polveri sottili di cinque città italiane: Perugia, Brescia, Torino, Pisa e Lecce. Barelli ha anche messo in evidenza come, dallo studio del Politecnico di Milano dell’ottobre scorso, sia emerso come solo il 2% circa di Pm10 derivi dal traffico veicolare, mentre il restante 98% è prodotto dai sistemi di riscaldamento. Considerando, tuttavia, l’alto tasso di motorizzazione presente in città, questo dato è oggetto di verifica con gli altri enti pubblici interessati: Regione Umbria, Arpa, Minimetrò e Busitalia. Un tavolo istituito per il monitoraggio della qualità dell’aria al fine di individuare le migliori politiche da attuare. Tra queste, l’amministrazione comunale ha già previsto la chiusura programmata della circolazione dei veicoli all’interno del centro abitato di Perugia e Ponte San Giovanni a partire dal 14 gennaio prossimo, fino al 31 marzo, per due giorni consecutivi (Sabato e Domenica), con cadenza settimanale, per 8 ore nella fascia dalle ore 08:00 alle ore 20:00, con modalità che saranno specificate in apposita ordinanza sindacale. In deroga al provvedimento sarà autorizzata la circolazione delle autovetture elettriche ed ibride, di quelle alimentate a gas metano e GPL, delle autovetture con almeno 3 persone a bordo (carpooling), nonché dei veicoli oggetto di deroga specifica. Nel contempo, è stato aggiudicato l’appalto per la realizzazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile che dovrà imprimere una svolta al sistema della mobilità cittadina con ricadute positive anche sulla qualità dell’aria. Nei prossimi giorni verrà avviata anche una campagna di comunicazione, condivisa con Regione Umbria, Arpa, Minimetrò e Busitalia mirata a sensibilizzare la popolazione ad un corretto utilizzo dei mezzi di trasporto e degli impianti di riscaldamento, anche in considerazione dell’aumentato numero degli stalli di alimentazione per le auto elettriche, che, nella sola città di Perugia, sono saliti a 34 e degli incentivi per l’efficientamento energetico.