L’Umbria “contaminata” dalla crescita. Al Galà delle Imprese di Acacia Group brilla l’imprenditoria che ha resistito alla pandemia

355
   

Vincenzo Monetti (VIM SpA) premiato come imprenditore dell’anno 2021

Tante le conferme e qualche new entry tra le “buone imprese”che stanno trainando la ripresa della regione. Occasione di ritrovo è stato il Galà delle Imprese 2021 organizzato da Acacia Group, che ha visto la partecipazione di oltre 200 imprese.

Presenti alla serata diverse cariche istituzionali, tra le quali il Presidente del Consiglio Regionale Marco Squarta, l’Assessore Michele Fioroni che ha commentato la situazione post pandemia e sottolineato l’importanza del fare impresa per ridare all’Umbria il posto che merita, e il Senatore Franco Zaffini.

Durante la serata sono state presentate le 22 imprese umbre che fanno parte di  “Imprese Possibili”, lo studio aggiuntivo all’Osservatorio delle imprese 2022, che esalta le 820 Imprese italiane “contaminate dalla crescita” nonostante la pandemia.

Un momento di sintesi e analisi del quadro economico e delle sue performance migliori, focalizzato sulle eccellenze distintive, ovvero su quelle realtà e quei settori che trainano lo sviluppo dell’Italia.

Tanti gli Imprenditori vincenti che hanno continuato a raggiungere risultati importanti anche in questo periodo di difficoltà legato al Covid-19.

Imprese che esaltano il Made in Italy nel mondo e che fanno dell’eccellenza e della qualità il loro vantaggio; “capitani d’impresa” che hanno saputo talvolta fare squadra per guardare lontano.

Acacia Group anche quest’anno ha messo in evidenza “i numeri” dell’imprenditoria italiana in un volume istituzionale (oltre il consueto studio Umbria e Marche), che rappresenta l’osservatorio privilegiato sull’economia nazionale e celebra le performance delle aziende che hanno registrato una crescita nel 2020.

Tra tutti gli imprenditori presenti è spiccato il nome di Vincenzo Monetti, patron della VIM SpA, al quale è stato assegnato il premio come Imprenditore dell’anno 2021.

Durante la serata sono stati inoltre assegnati i seguenti riconoscimenti:

-Premio Resilienza 2021                                            All Food SpA                     Massimo Piacenti

-Premio Campione di Performance 2020              Vitakraft SpA                    Famiglia Sciurpa

-Premio Mission & Vision 2021                 Arvedi Acciai                    Antonio Perrone

-Premio Innovazione 2021                         Eagleprojects Srl                             Giovacchino Rosati

-Premio Crescita Costante 2016-2020     ICOM SpA                          Silvio Pascolini

-Premio Impresa Donna  2021                   RM Italia                            Maria Camilla Fogliati

Infine è stato assegnato per la prima volta il premio “Gentilezza”, nato dalla filosofia di Acacia Group e che già da qualche anno porta avanti lo studio sulle Kind Company. Il riconoscimento Gentilezza 2021 è stato assegnato ad Angelo De Poi

Per quanto concerne le “Imprese Possibili”, le 22 umbre che hanno brillato e che hanno registrato performance stellari nel bilancio di esercizio 2020, lo studio ha esaltato BT Macchine srl, Biotecnologie B.T. srl, Connesi spa, Fa.Ro. System srl, Icat srl, M.C. System srl, Manifatture Cesari srl, Molitoria Umbra srl, NTS Project srl, Pegaso 2000 srl, Pic Italia srl, Saci Industrie spa, Sintagma srl, Sir Safety System spa, Sisas spa, Tecnoservice Costruzioni Generali srl, Tifermec Oleodinamica srl, Umbra Pompe srl, Umbria Ufficio 2000 srl, V.B.B. srl, Vim spa, Vitakraft Italia spa

Inoltre durante la serata è stata presentata la Missione 2022 di Acacia Group per Expo Dubai, che coinvolgerà le imprese umbre nel mese di febbraio durante la settimana dedicata all’Umbria nel Padiglione Italia.

“Occasione per stare insieme, scambiarsi gli auguri delle imminenti festività natalizie e coltivare come sempre le “buone relazioni” – commenta Francesco Pace di Acacia Group – Ci troviamo alla vigilia di un momento forse irripetibile per le nostre imprese. Come spesso capita, questo lento ritorno all’ottimismo è sempre anticipato e alimentato dall’aria che si respira nel tessuto imprenditoriale. Sostenibilità, internazionalizzazione e innovazione sono i tre temi che credo possano indicare la direzione per guardare al futuro con ottimismo. La pandemia è purtroppo ancora argomento quotidiano, e ad aggravare la situazione per le imprese si aggiungono gli aumenti dei costi energetici e delle materie prime. Guardiamo al futuro con ottimismo, pronti tutti insieme a fare squadra per dare all’Umbria il posto che merita.”