Lo psicologo nelle cure primarie, progetto sperimentale in Umbria

233

Lo psicologo nelle cure primarie, progetto sperimentale in Umbria. Inedito nel suo tipo, ha affiancato psicologi e medici di medicina generale. Un percorso durato 12 mesi che ha coinvolto coinvolto 95 persone. Secondo i dati dell’osservatorio psicologico regionale, per il 90% degli umbri il supporto è utile alla luce dei nuovi Lea

Per il 90% dei cittadini dell’Umbria, sulla base dei nuovi Livelli essenziali d’assistenza, risulta utile il supporto psicologico, ma il 76%, nel pubblico, non ha trovato adeguate risposte. I dati emergono dalle analisi dell’Osservatorio Salute Psicologica in Umbria istituito dall’Ordine regionale degli Psicologi, che ha presentato parte delle ricerche effettuate in occasione del convegno “La psicologia nelle cure primarie, i risultati del progetto Psicup”, organizzato oggi a palazzo Cesaroni. Il progetto Psicup è una sperimentazione promossa dalla Regione (DGR. 135 del 20/02/17), accolta dalle Usl del territorio, che ha previsto la sinergia fra psicologi e medici di medicina generale per una presa in carico globale dei pazienti nell’ambito delle cure primarie.

Il progetto è stato sostenuto dall’Ordine degli Psicologi che ha coinvolto l’Università degli Studi di Perugia per la valutazione degli esiti.

“Per curare “persone” e non solo organismi dobbiamo valorizzare la Psicologia e gli Psicologi nel “Sistema Salute”», ha detto in apertura del convegno David Lazzari, presidente Ordine degli Psicologi, secondo cui il percorso intrapreso è quello giusto. «L’attuazione è in salita perché il nuovo spaventa, ma non una salita insormontabile”.

Il progetto è stato operativo per 12 mesi nel Distretto Media-Valle del Tevere-Casa della salute/Aft di Marsciano per la Usl Umbria 1 e presso il distretto di Foligno – Casa della salute di Trevi per la Usl Umbria 2.
I dati: da giugno 2018 a giugno 2019 sono state prese in carico 25 persone nell’Asl 1 e 70 nell’Asl 1 (a fronte di 106 richieste). Delle 95 persone prese in carico 22 sono uomini, 73 donne.
Sono stati coinvolti 29 medici di medicina generale afferenti al distretto di Marsciano e di Foligno. Di questi, 21 (72,4%) hanno inviato i propri assistiti (persone tra 14 e 88 anni, il 33,68% fra i 31 e 50 anni, il 13,69% over 67) al servizio Psicup.
Persone coinvolte. Chi sono le persone coinvolte? Il 24% disoccupati, il 16,84% operai, il 14,73% impiegati. Fra le problematiche maggiori riscontrate ci sono:
27,37% fattori di rischio (problematiche legate al ciclo di vita e ai problemi di adattamento)
26,31% aspetti depressivi
16,85% gravi stress e sindrome di disadattamento
10,52% disturbi ansiosi
Soddisfazione pazienti. Il 67% di 55 persone prese in carico a Marsciano e Trevi, si è detto soddisfatto del servizio erogato. Cioè la proposta di sperimentare lo psicologo nelle cure primarie ha avuto riscontro importanti.