L’industria umbra volta pagina

627
 

Si percepisce un clima di maggiore fiducia tra gli imprenditori industriali della nostra regione. Questo è quanto è emerso dalla Giunta di Confindustria Umbria, che si è tenuta nei giorni scorsi. L’avvio della ripresa produttiva pare avere consistenza, e le aspettative delle aziende, orientate ad un maggiore ottimismo, confermano l’inversione di tendenza. In quasi tutti i settori produttivi e nei vari territori della regione, a detta dei numerosi imprenditori che sono intervenuti ai lavori, la quota di imprese che vede crescere il proprio livello produttivo è ben superiore a quella che invece registra andamenti stazionari o in leggero calo. Resta l’eccezione della filiera delle costruzioni, per la quale l’uscita dalla crisi è ancorata alla ripresa degli investimenti nelle opere pubbliche e, per quanto riguarda l’edilizia residenziale, all’adozione di interventi di riqualificazione e rigenerazione del patrimonio edilizio esistente.

“Il cambiamento in senso positivo del panorama industriale e delle sue prospettive – ha detto il presidente di Confindustria Umbria Ernesto Cesaretti – risente delle positive condizioni esterne, quali il prezzo del petrolio, il tasso di cambio euro-dollaro, la liquidità immessa dalla Banca centrale europea nel sistema creditizio, le riforme strutturali in corso di realizzazione nel nostro Paese e, pur nei limiti propri, le politiche del governo regionale”.

In questo contesto più favorevole, gli imprenditori confermano che l’industria manifatturiera locale può svolgere un ruolo crescente nei mercati nazionali e internazionali, puntando sui fattori caratteristici che la contraddistinguono, quali la qualità del prodotto, la creatività, l’innovazione, il radicamento ai valori del territorio, fattori, questi che consentono di intercettare segmenti rilevanti della domanda internazionale rivolta al made in Italy. Il vento della ripresa si avverte anche nell’area ternana, dove emerge in primo piano il protagonismo della chimica verde, con iniziative e progetti capaci di dare un importante contributo alla crescita del territorio. A questo obiettivo darà un impulso determinante il progetto di rilancio della manifattura di Terni, giunto ormai alla fase conclusiva, con l’imminente presentazione dello studio affidato da Confindustria Umbria alla società “The European House Ambrosetti”. Lo studio, in particolare, assumerà la forma di un vero e proprio master plan di interventi, individuati attraverso il confronto con le imprese, le organizzazioni di categoria, le istituzioni e gli altri stakeholder.

“Dalla sua realizzazione – ha spiegato il vicepresidente di Confindustria Umbria Stefano Neri – deriverà una forte crescita degli investimenti nel prossimo triennio, specialmente nei settori della bio economia e della fabbrica intelligente, anche con la creazione di nuove attività industriali alla cui realizzazione possano concorrere imprenditori umbri e di altre regioni”.

La Giunta ha anche provveduto a nominare la commissione di designazione in previsione del rinnovo, entro l’anno, della presidenza di Confindustria Umbria. Della commissione faranno parte gli imprenditori: Antonio Campanile, Gino Timpani e Bruno Urbani.