Lega: “Bandecchi incompatibile moralmente come sindaco”

300

Per segretario Terni: ‘In Consiglio ennesimo scempio’

   

Bandecchi non è in grado di fare il sindaco e se non si tratta di una questione di incompatibilità degli incarichi, è una questione di incompatibilità morale e di comportamento.

Anche oggi in aula di Consiglio comunale l’ennesimo scempio, l’ennesimo teatrino di un sindaco che invece di confrontarsi, minaccia pesantemente (‘le volano via tutti i denti dalla bocca’), insulta e cerca di aggredire fisicamente un consigliere di opposizione che sta solamente facendo il suo lavoro nell’incalzare l’amministrazione a fare il proprio”: a denunciarlo è Devid Maggiora, segretario comunale della Lega a Terni.

Solo grazie all’intervento degli uomini della polizia locale è stato evitato il peggio. L’atteggiamento di Bandecchi oggi in aula è da censura” aggiunge.
“Il sindaco non è un esempio per i più giovani – afferma Maggiora in una nota -, non è un esempio per nessuno in città”.
Il segretario della Lega parla quindi di un “comportamento di chi evidentemente è più avvezzo alle risse da bar che non al dibattito politico”.
“Bandecchi non è in grado di fare il sindaco – prosegue – anche per manifesta incapacità di controllare i suoi impeti e dovrebbe smetterla con questo atteggiamento. Evidente la sua difficoltà a sostenere il peso di un confronto politico e istituzionale. Dovrebbe dimettersi immediatamente, farebbe soltanto un favore a tutta la città che in questo momento si sta vergognando di avere un sindaco del genere. Esprimiamo piena solidarietà e sostegno ai consiglieri comunali dell’opposizione minacciati, offesi e insultati. Auspichiamo che il prefetto intervenga”.