La ‘città che noi vogliamo’: consegnate le cartine geografiche

451

La ‘città che noi vogliamo’: consegnate le cartine geografiche volute dal consiglio comunale scolastico di Perugia

Grande soddisfazione da parte del Consiglio Comunale Scolastico per la consegna delle 500 cartine geografiche dell’Italia, distribuite agli otto Istituti comprensivi che hanno partecipato al progetto sulla legalità “La Città che noi vogliamo”, promosso dall’ associazione cultura e solidarietà Green Heart in collaborazione con il Comune di Perugia. Si tratta di uno degli atti approvati dal Consiglio Comunale Scolastico e dalla Giunta guidata dal Sindaco dei ragazzi Gabriele Bove che vede la sua concreta  realizzazione.

L’iniziativa, resa possibile grazie al contributo dell’azienda Marcomigni Living che ha sponsorizzato la realizzazione delle cartine, ha permesso di mettere a disposizione di tutte le classi di ciascun istituto un valido strumento a supporto delle attività scolastiche.
Un altro atto di giunta andato a buon fine è quello che riguarda la piantumazione, giovedì 14 marzo alle 10, al percorso verde di Pian di Massiano, dell’ “Albero della Cittadinanza”, una quercia, simbolo di libertà e partecipazione.

Grazie alla collaborazione fattiva di TagliatiXilsuccesso di Sara e Marco Chiattelli e della ditta Corneli I sassi di Assisi di Massimo Corneli,  Perugia verrà arricchita da un importante simbolo che vede uniti i suoi cittadini sotto il segno della legalità.

La cerimonia si terrà alla presenza del Sindaco Andrea Romizi, dell’assessore alle Politiche per l’infanzia e l’adolescenza Dramane Wagué, del Presidente dell’Associazione Green Heart Antonino Chifari, dei ragazzi del Consiglio Comunale Scolastico, nonché dei dirigenti e docenti degli istituti coinvolti e dei partners dell’iniziativa.

A chiusura del mandato triennale del Consiglio Comunale Scolastico, il prossimo 21 marzo alle ore 9,00 alla Sala dei Notari, infine, si svolgerà l’incontro conclusivo del percorso di cittadinanza attiva a cui prenderanno parte, insieme ai ragazzi,  le autorità civili, militari e politiche che, in questo periodo, hanno supportato il progetto di promozione della cultura della legalità.