“Inaugurazione di ‘Spazio Donna’: le istituzioni ci sono”

295

La nota dell’Consigliere Puletti (Lega)

   

 

“Un messaggio forte e chiaro: le istituzioni ci sono. Questo quanto emerge oggi dopo l’inaugurazione di ‘Spazio Donna’, lo sportello di ascolto e condivisione aperto questa mattina a Deruta, grazie anche al contributo della Regione”.

Ad affermarlo il consigliere regionale della Lega Manuela Puletti, presidente della Commissione regionale d’inchiesta sul Femminicidio e le Violenze di Genere, che ha partecipato all’evento.

“Assieme al Vice sindaco Maria Cristina Canuti e a tutta l’Amministrazione comunale – spiega Puletti – abbiamo creduto molto in questo progetto che trova oggi compimento grazie anche alla sensibilità mostrata dalla Giunta Tesei, che ha contribuito alla realizzazione accogliendo le nostre richieste. ‘Spazio Donna’ non vuole essere solo uno sportello di ascolto e di condivisione per le donne che subiscono qualsiasi tipo di violenza, fisica o psicologica. ‘Spazio Donna’ assume un significato ben più ampio, vuole essere un ulteriore incoraggiamento alla donne a denunciare soprusi, manipolazioni, violenze. Quello che fino a qualche tempo fa era un problema tabù, circondato da un silenzio omertoso per cui paradossalmente la donna manipolata, o che subiva violenza fisica, provava vergogna a denunciare, oggi con l’apertura di questi sportelli si concretizza l’esistenza di un problema, si mettono a disposizione professionisti e si accompagna la donna verso un percorso, sicuramente arduo e tortuoso, ma di libertà. Purtroppo – continua Puletti – i dati parlano chiaro. Negli anni aumentano i femminicidi, ma al tempo stesso aumentano anche le donne manipolate e violentate psicologicamente, un tormento subdolo spesso ignorato perché non ha traumi visibili, ma che in alcuni casi può portare anche alla depressione fino al suicidio. Il narcisista patologico sta diventando una vera e propria emergenza sociale, con il suo essere manipolatorio priva la donna della parte più bella di sé, quella dei sentimenti veri e sinceri affossati da bugie, prese in giro, denigrazione o svalutazione. A tutte quelle donne l’invito a reagire e a rivolgersi a professionisti o a centri di ascolto come questo di Deruta, perché la vita è un dono meraviglioso, e ogni donna deve ritrovare, attraverso un percorso cucitole addosso, l’orgoglio di essere tale e soprattutto la consapevolezza di avere, nel proprio mondo interiore, ancora tanto da dare. All’amministrazione comunale e al vice Sindaco Cristina Canuti – conclude Puletti – un ringraziamento particolare per il lavoro svolto, la sensibilità dimostrata, nella speranza che il Comune di Deruta possa essere preso come esempio”.