Il turismo del vino riparte in Umbria con “Vigneti Aperti”, il nuovo evento firmato Movimento Turismo del Vino

127

Il turismo del vino riparte in Umbria con “Vigneti Aperti”, il nuovo evento firmato Movimento Turismo del Vino. Gli appuntamenti sono ideati come un evento diffuso nei fine settimana  dalla primavera all’autunno 2021

Le cantine dell’Umbria riaprono, finalmente, le porte ai turisti. In totale sicurezza e nel rispetto delle normative anticontagio, ma con la voglia di tornare ad animarsi di voci, sorrisi e del tintinnio dei calici. Non ci sarà Cantine Aperte in Umbria, almeno non nella versione tradizionale che conosciamo tutti, nell’ultimo fine settimana di maggio, ma il Movimento Turismo del Vino regionale propone un nuovo evento, all’aperto, dal titolo “Vigneti Aperti, le stagioni del Vino”. Un evento diffuso, capace di adattarsi alle situazioni a cui ci ha abituati l’emergenza sanitaria, che si spalmerà nei vari fine settimana dalla primavera all’autunno. Ogni fine settimana, le cantine aderenti proporranno visite e degustazioni, pranzi, passeggiate, animazioni all’aperto ed esclusivamente su prenotazione, per offrire di nuovo l’opportunità di trascorrere un fine settimana all’aria aperta, nella natura e con tutto il gusto della tradizione umbra.

“Potremmo definire Vigneti Aperti un evento fluido – ha spiegato Filippo Antonelli, presidente MTV Umbria – organizzato con la voglia e la speranza di tornare a vivere le cantine in presenza, nei prossimi mesi, ma con la flessibilità che ci impone la situazione che stiamo vivendo. La sicurezza dei visitatori e del personale delle cantine, del resto, così come il rispetto delle disposizioni anti contagio, sono prioritarie. D’altro canto, il Movimento Turismo del Vino è leader nel settore dell’enoturismo, con anni di esperienza nell’organizzazione di eventi e nella qualità dell’accoglienza, con uno staff ben rodato sia a livello nazionale che delle singole regioni, che -adesso più che mai- si caratterizza per una rinnovata unità d’intenti e con una professionalità delle nostre cantine nel campo dell’ospitalità che è garanzia di sicurezza. Già si registrano prenotazioni, anche dall’estero quindi, auspichiamo che la situazione possa migliorare per tornare a godere di ciò che le nostre cantine e i nostri territori hanno da offrire dopo un anno così difficile per tutti.”

A questo proposito, l’associazione non nasconde la propria soddisfazione per il completamento, arrivato di recente, del quadro normativo per lo svolgimento dell’attività enoturistica nel territorio regionale, con l’approvazione, da parte della Regione dell’Umbria delle ultime disposizioni previste dalla legge nazionale sull’enoturismo.