I mecenati Art Bonus Perugia tutelano i beni anche dopo il restauro

366

La Famiglia Modena partecipa ai costi per l’installazione di una telecamera per la sicurezza della Fonte Lomellina

Perugia ha un patrimonio immensamente bello ma anche molto fragile, spesso minacciato dall’incuria dell’uomo o dagli effetti dell’inquinamento ambientale, un patrimonio che ha continuamente bisogno di essere protetto, recuperato, valorizzato.

Il progetto Art Bonus Perugia, best practice a livello nazionale per i suoi successi e per l’ampia partecipazione dei suoi mecenati, spesso singoli cittadini, associazioni del territorio nonché importanti imprenditori si arricchisce di nuovi desideri che vanno dalla tutela del bene alla sua presa in carico anche dopo il suo restauro.

Deriva da qui la richiesta della Famiglia Modena, mecenate Art Bonus Perugia della Fonte Lomellina inaugurata dopo il restauro nel 2018, che dopo aver finanziato l’intervento per 25 mila euro ha proposto al Comune di Perugia l’installazione di una telecamera per poter permettere alle Forze dell’Ordine il monitoraggio costante di questo monumento restituito alla città e per la sicurezza del tratto della via Marzia.

I lavori previsti sono stati realizzati e completati, in forza della sottoscrizione di un “Patto di Collaborazione” tra la Famiglia Modena e il Comune di Perugia.

La parte privata si è fatta carico della spesa di 2.800,00 euro per la fornitura e posa in opera dei cavi e della telecamera, che riprende la fontana e il tratto di strada fino a Porta Marzia.

Il Comune invece ha realizzato i lavori per l’adeguamento dei quadri elettrici e degli apparati elettronici necessari la connessione con le centrali operative preposte al controllo della sicurezza cittadina, oltre ad alcune opere civili per la posa dei cavidotti di collegamento, per un importo complessivo di circa 3.600,00 euro.

Vista l’importanza del nuovo impianto il Comune si occuperà della manutenzione della telecamera e della gestione delle immagini nel rispetto delle leggi vigenti in materia di tutela dei dati personali.

E’ stato anche posizionato un cestino dei rifiuti del tipo “arredo urbano” in via Marzia, a valle della fontana, per evitare che cittadini o i turisti gettino rifiuti vicino al monumento.

Il patto di collaborazione è uno strumento utile, utilizzato in diverse occasioni in questi ultimi anni, perché permette di operare in uno spirito di leale collaborazione tra cittadini e istituzioni per la migliore realizzazione delle attività modo trasparente, con di fiducia reciproca, responsabilità, sostenibilità, valorizzando il pregio della partecipazione.