Gubbio: successo per la presentazione del libro “Dieci favole morbide”

1004
   

Nello stesso giorno in cui la rivista “Panorama” ha dedicato il suo focus sulle novita’ culturali al suo libro “Dieci favole morbide”, Domenico Benedetti Valentini ha presentato a Gubbio, nell’ex refettorio di San Francesco, la sua opera narrativa che va configurando un sorprendente “caso letterario”.Il volume, che racchiude dieci “racconti brevi” ed una intrigante post-fazione dello stesso autore, è stato illustrato da Augusto Ancillotti, glottologo, assessore alla Cultura del Comune e dal vescovo di Gubbio mons. Mario Ceccobelli. Entrambi hanno colto, con un’analisi tanto fine quanto penetrante, sia la personalità  dell’autore sia il senso delle “favole”. Che sono propriamente racconti della vita d’ogni giorno di personaggi simbolici, occasioni “vive e incarnate” per parlare della bonta’ e malvagita’, della semplicità e bellezza, delle fortuità della vita e della volontà dell’uomo, dell’amore civico, della fortuna che cambia, della coerenza e dell’imprevedibilità, di ciò che l’anima umana si aspetta di incontrare nell’ultraterreno.

“Una grande capacità di portare a sintesi valori antinomici” ha detto l’assessore Ancillotti e mons. Ceccobelli ha sottolineato il “delicatissimo ed elegante modo di guidare, attraverso le traversie, alla speranza, in racconti che si chiudono in dissolvenza”.

Di straordinario impatto emotivo sono state le letture dell’attrice Anna Leonardi, mentre sono spettate allo stesso Domenico Benedetti Valentini le stimolanti conclusioni. Rispondendo a molte domande, l’avvocato, già deputato e senatore, molto legato a Gubbio fin dalle frequentazioni giovanili, ha detto che in lui la passione per la letteratura ed il teatro ha avuto sempre un posto altrettanto importante quanto quello dell’impegno politico ed istituzionale e che oggi il suo istinto e’ quello di “ricercare sempre nelle cose, negli eventi, nelle persone, l’essenziale, tutto quello che è verità permanente nei vari tempi e luoghi degli eventi umani”. Il piacevole incontro culturale è stato realizzato nel quadro della rassegna “Un libro per l’estate” promossa dalla Libreria Fotolibri.