Guardia di finanza sequestra beni per un milione e mezzo

138

Indagine su presunte irregolarità in un’asta pubblica

   

Un complesso commerciale costituito da 12 unità immobiliari ed un terreno sito nel territorio di Gualdo Tadino, per un valore complessivo di circa un milione e mezzo di euro, sono stati sequestrati dal gico della guardia di finanza di Perugia nell’ambito di un’indagine su presunte irregolarità nell’ambito di un’asta pubblica per la vendita di alcuni immobili nello stesso comune precedentemente pignorati e, di fatto – ritengono gli investigatori -, riacquistati dallo stesso destinatario del provvedimento, attraverso un “articolato sistema”.
Su delega della procura del capoluogo umbro, è stato dato così esecuzione ad un decreto emesso dal gip.

Autoriciclaggio il reato ipotizzato nel fascicolo.
Il principale indagato, peraltro, era destinatario di un sequestro preventivo emesso dalla procura perugina nel 2020 – si legge in un comunicato dell’Ufficio – a seguito di indagini condotte dalla tenenza di Gubbio della guardia di finanza e rimasto ineseguito, non essendo stato possibile “rinvenire ed aggredire” denaro o beni riconducibili al soggetto.
Dall’indagine è emerso che gli immobili sono stati acquistati da una srls con sede in Torgiano, “appositamente costituita” 23 giorni prima dell’asta giudiziaria, che annoverava, tra i soci, il genero del soggetto e una società con sede nella Repubblica Slovacca che è risultata avere come azionista di riferimento lo stesso pignorato.