Giorno della Memoria: domani a Terni “i giovani ricordano la Shoah”

997
 

In occasione del “Giorno della memoria”, Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, Liceo Ginnasio Statale “G.C. Tacito”, Liceo Scientifico “R. Donatelli”, Licei Statali “Angeloni” Linguistico – Musicale – Scienze Umane, Liceo Scientifico “G. Galilei” e Liceo Artistico “O. Metelli”, hanno organizzato un incontro dal titolo “I giovani ricordano la Shoah”, che si terrà domani, a Terni (ore 10,  Palazzo Gazzoli). Dopo i saluti istituzionali, verrà proiettato il video “Studiando il Processo di Norimberga: giustizia, colpa, responsabilità”, che propone le riflessioni di una classe quinta del Liceo “Donatelli” rispetto ai temi della colpa e della responsabilità. Seguiranno le letture drammatizzate, a cura di Elena Marrone e dei ragazzi del Laboratorio Teatrale del Liceo Classico, di elaborati degli alunni dello stesso Liceo, intervallate da brani musicali eseguiti dagli alunni del Liceo Musicale “Angeloni”. Nella seconda parte della mattinata gli studenti del Liceo “Donatelli” daranno vita alle  “Voci dalla Memoria” (tra cui Il diario della piccola Helga nella Praga del 1941, la Lettera di un ebreo morto nel ghetto di Varsavia nel 1943 e Il diario di Anne Frank), quindi una riflessione dei ragazzi del Liceo “Galilei” sulle leggi razziali. Le parole chiave dell’iniziativa: #MEMORIA: la legge n.211 del 2000 ha riconosciuto, in Italia, il giorno del 27 gennaio per ricordare le vittime dell’Olocausto e delle leggi razziali, i prigionieri politici e i militari italiani deportati in Germania ma anche quanti hanno protetto gli ebrei dalla persecuzione e dalla deportazione. #NORIMBERGA: in quella che era stata la città delle “Celebrazioni del Partito Nazista” si tenne il processo che giudicò le organizzazioni naziste e i loro capi per aver pianificato e intrapreso guerre d’aggressione, nonché per aver commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità. #RAZZIALI: le leggi introdotte in Italia nel 1938 da Benito Mussolini, aprirono la strada anche nel nostro paese alla persecuzione, all’internamento e alla deportazione degli ebrei, anche se dall’Umbria vennero internati in Germania solo tre ebrei, due dei quali sopravvissero (i ternani Adolfo e Sergio Sciunnach), perché decine e decine di altri, provenienti anche da altre regioni, furono nascosti protetti da umbri che, anche nel caso fossero di diverso orientamento politico e fede religiosa, collaborarono tra di loro, ad esempio, per fornire agli ebrei falsi documenti di identità. #LAGER: tra i pochi che si salvarono dai campi di concentramento vi fu anche David Olère, che dopo la liberazione registra l’orrore dell’esperienza concentrazionaria e dello sterminio in numerosi schizzi e disegni. Alcuni di questi sono stati riprodotti nel materiale promozionale dell’incontro.