Distretto del Trasimeno, i lavori artigianali degli ospiti delle strutture residenziali e semiresidenziali esposti a “Fili in Trama”

139
 

Venerdì 16 settembre, dalle ore 19,30 alle 20,30, è previsto nei giardini della Residenza protetta Olindo Brancaleoni un evento dal titolo “Groviglio di emozioni”

 

 

Gli ospiti delle Strutture residenziali e semiresidenziali del Distretto del Trasimeno (Residenze Protette San Sebastiano e Olindo Brancaleoni, Centro diurno Brancaleoni, Centri diurni per disabili, Comunità alloggio per disabili adulti di Magione) esporranno i loro lavori artigianali a “Fili in Trama”, la mostra internazionale del merletto e dei ricami in programma a Panicale dal 16 al 18 settembre 2022. I diversi manufatti, prodotti dagli anziani e disabili adulti, saranno in un gazebo posizionato davanti alla Residenza protetta Brancaleoni, situata in via Belvedere 2.

I lavori artigianali, realizzati nei diversi laboratori, caratterizzano l’offerta rieducativa-socializzante dei centri diurni. Nelle tre giornate di esposizione, gli utenti, i familiari e gli operatori della Cooperativa Seriana, che gestisce in appalto le strutture, avranno l’opportunità di far conoscere ai visitatori le modalità di lavorazione dei manufatti e la peculiarità dell’offerta assistenziale che contraddistingue il territorio.

Inoltre, venerdì 16 settembre, dalle ore 19,30 alle 20,30, è in programma nei giardini della struttura Brancaleoni un evento, dal titolo “Groviglio di emozioni”, che prevede la partecipazione del Duo Thibris (arpa e violino) e la proiezione di un filmato ideato e prodotto dagli educatori della struttura, che vede protagonisti gli anziani ospiti che ripercorrono i vissuti, le emozioni, la paure vissute in periodo di pandemia da Covid-19.

L’opportunità offerta dalla partecipazione a “Fili in trama” rappresenta una modalità operativa che privilegia percorsi di inclusione sociale, di costruzione di relazioni significative con un territorio inclusivo e solidale, a favore della valorizzazione delle capacità ed abilità dei gruppi sociali più fragili.