Camplone: ‘’Adesso sta a noi. Non firmo per il pareggio’’

755
   

Conferenza stampa pre-derby per il tecnico del Perugia Andrea Camplone, che inizia parlando di come la squadra ha affrontato la settimana:

‘’A parte Comotto e Vinicius, che non saranno della partita, stiamo valutando Rizzo e Nielsen se portarli oppure no. Abbiamo avuto un paio di giorni in meno rispetto agli altri e questa settimana abbiamo fatto poco anche perché siamo arrivati un po’ acciaccati, però a oggi sono a tutti a disposizione. Dal punto di vista mentale veniamo da un ottimo momento di forma e c’è tanto voglia ed euforia, dettata anche dalla partita che essendo un derby non ti permette distrazioni. Adesso sta a noi di andare sul campo e cercare di portare a casa la vittoria’’.

 La lista dei convocati sarà disponibile a poche ore dal fischio d’inizio, ma qualche informazione emerge in merito ai probabili titolari:

‘’Squadra che vince non si cambia. E’ difficile e rischioso apportare delle modifiche in corso ma abbiamo ancora la giornata di oggi per valutare se quelli che hanno giocato lunedì sera hanno recuperato al cento per cento. E’ una partita molto importante e abbiamo bisogno di mettere in campo una prestazione super, sia a livello fisico che a livello mentale. Falcinelli si è allenato poco in settimana per una botta al ginocchio, come del resto anche Ardemagni. E’ consapevole di aver sbagliato all’andata, dobbiamo fare tesoro di queste esperienze e non cedere a delle provocazioni. La posta in palio è alta e noi abbiamo tanto da perdere in questa partita, per questo la concentrazione dovrà essere alle stelle’’.

 Poi il tecnico biancorosso analizza la Ternana e cerca di spiegarne i pregi e i difetti:

‘’Loro in casa fanno un po’ di fatica perché dovendo fare la partita sono costretti a scoprirsi un po’ di più e in alcune occasioni hanno pagato cara la pelle. Ma adesso con un ritrovato Gavazzi che ha gamba e buoni tempi d’inserimento hanno sicuramente un’arma in più. Non dimentichiamoci poi di Ceravolo e di Avenatti, che per guai fisici non stavano attraversando un buon momento di forma, ma ora sono tornati su ottimi livelli, come del resto Bojinov. Sappiamo che da centrocampo in su sono un’ottima squadra e non guardiamo la classifica che per me è bugiarda. Abbiamo pensato ad ogni possibile svolgimento della gara, Avenatti è uno che va tenuto lontano dalla porta perché con la stazza che ha può farci male mentre Ceravolo ha bisogno di più spazio per sfruttare a pieno le sue qualità offensive. E’ una coperta un po’ corta, dobbiamo essere concentrati e concedergli il meno possibile, valutando soprattutto l’importanza della posta in palio dal momento che loro lottano per non entrare nei play-out mentre noi lottiamo per rimanere nei play-off con il sogno di centrare una promozione diretta. Entrambi abbiamo degli obiettivi importanti. Bisognerà entrare in campo con la mente lucida e con la consapevolezza di saper giocare bene, come abbiamo dimostrato nelle ultime partite. Sappiamo che loro hanno a disposizione due moduli, o il 3-5-2 o il 4-3-1-2, e per questo sarà importante sapere come Tesser schiererà in campo i suoi, se per il pareggio o se per vincere la partita’’.

 Il derby con la Ternana rappresenta un momento importante per il Perugia che è reduce da quattro vittorie nelle ultime cinque partite:

‘’In questo ultimo periodo, avendo bisogno di punti siamo sempre entrati in campo per vincere e non guardiamo molto alle altre squadre. Per noi, da qui fino alla fine, è come se ogni sabato giocassimo una finale e dobbiamo per forza di cose giocare per vincere se vogliamo sperare in qualcosa di importante come lo è la promozione diretta. Non facciamo nessun tipo di calcolo, la nostra mentalità è vincente anche se non si riesce sempre a fare risultato e a dare il cento per cento. Ogni partita ha una storia a sé e non dimentichiamoci che dobbiamo ancora affrontare Livorno e Pescara, squadre importanti. Il campionato non ti regala nulla’’.

 In chiusura fa appello al supporto dei tifosi che per questioni di sicurezza al Liberati non potranno essere così numerosi:

‘’I nostri tifosi sono sempre stati numerosi ovunque andassimo a giocare. Per me partite del genere andrebbero giocate in campi neutri, in modo da permettere a tutte e due le tifoserie di accorrere numerose. Il calcio è uno spettacolo e come tale va vissuto’’.

 Andrea Profidia