Trasimeno: mozione bipartisan per la valorizzazione

90
 

Trasimeno: mozione bipartisan per la valorizzazione. A presentrla Marco Squarta (FdI), Rondini (Lega) e Meloni (Pd)

“Adozione urgente delle misure indispensabili per risanare e valorizzare il lago Trasimeno”, è il titolo di una mozione bipartisan, di cui annuncia la presentazione Marco Squarta (FdI-presidente Assemblea legislativa), promossa e firmata congiuntamente con Eugenio Rondini (Lega) e Simona Meloni (Pd-vice presidente Assemblea legislativa). Nel testo del documento è esplicito l’invito alla Giunta di

“attivarsi presso il Parlamento e il Governo nazionale per sollecitare l’adozione urgente di misure concernenti la manutenzione delle aree spondali demaniali, l’approfondimento dei fondali e la manutenzione delle rotte di navigazione, il recupero del degrado strutturale delle darsene e degli approdi, l’adeguamento dei bassi livelli, la manutenzione e gestione dei corsi d’acqua, delle opere idrauliche di terza categoria e della linea navigabile”.

“È la prima volta che maggioranza ed opposizione presentano atti bipartisan per risolvere i problemi del Lago – commenta Squarta-. Il Trasimeno è una delle principali attrattive turistiche dell’Umbria perciò la sua tutela rappresenta, a tutti gli effetti, un fattore di sviluppo dell’economia regionale e dell’occupazione. Per il bene dell’Umbria abbiamo accantonato le distinzioni politiche, decidendo di remare tutti dalla stessa parte per raggiungere questo importante obiettivo”.

La questione verrà discussa in Aula durante la seduta del prossimo Consiglio regionale in programma per il 22 settembre.

“In questi primi giorni di settembre – si legge nel testo della mozione – il livello delle acque del quarto Lago d’Italia è sceso a meno 106 cm. rispetto allo zero idrometrico ed è previsto che scenderà ulteriormente entro la fine del mese a meno 120. Un’ulteriore criticità – conclude la nota di Squarta – è l’insabbiamento dei fondali, che necessitano di interventi di dragaggio che devono essere svolti con regolarità”.