Trasimeno: grido d’allarme per il turismo

880

Trasimeno: grido d’allarme per il turismo. Gli interventi dei consiglieri regionali Andrea Fora (Patto Civico per l’Umbria) e Simona Meloni (PD) sulla crisi in seguito al coronavirus. “Serve una risposta unitaria ed efficace”

   

I consiglieri regionali Andrea Fora (Patto Civico per l’Umbria) e Simona Meloni (PD) rendono noti i contenuti di una lettera inviata dal ‘Gruppo Aurora’ di Castiglione del Lago (una delle realtà più importanti  del comparto turistico del Trasimeno) in cui “si lancia l’allarme sulla crisi del settore turistico del bacino del Lago e vengono esposte articolate richieste di intervento da parte del Governo nazionale e regionale per sostenere il comparto”.  Secondo Fora e Meloni la Regione Umbria deve dare una

“risposta unitaria ed efficace ad un grido d’allarme molto fondato e alle loro proposte e segnalazioni di concerto con sindaci dei comuni del Lago Trasimeno. Ci sono problemi che attengono a scelte di politica nazionale che possiamo affrontare in due modi: con lo scaricabarile,  in cui ogni parte politica imputa all’altra colpe e responsabilità, oppure provando ciascuno con i propri canali ad attivare quelle misure utili che ci vengono segnalate senza strumentalità politiche. Per quanto attiene invece alle scelte di natura regionale dobbiamo dare  risposte certe e temporalmente sicure. Altre Regioni stanno già mettendo in atto misure economiche chiare specie nel comparto del turismo che in Umbria e in particolare nell’area del Trasimeno ha un andamento ed una sua peculiarità stagionale. Non possiamo lasciare soli lavoratori ed imprese cooperative che  hanno contribuito a far crescere il comparto e il territorio sempre in sinergia con le amministrazioni locali e gli altri operatori. Siamo infine fiduciosi che insieme ai sindaci e agli altri eletti della zona, di ogni colore politico, si possa definire una strategia di azioni e un progetto sul quale la Giunta Regionale possa prontamente attivarsi. Occorre remare tutti nella stessa direzione – concludono – , certo ciascuno nel proprio ruolo, anche se è evidente a tutti che questo non è un tema di destra o sinistra, ma che attiene alla crescita dell’Umbria”.