Tra cinema e letteratura prosegue a Umbertide “Piattaforma Live”

381

Rassegna promossa da Anonima Impresa Sociale con il sostegno della Fondazione Perugia nell’ambito del programma “Bando Arte 2023. Eventi culturali per la promozione del territorio”

   

 

Cinema e letteratura per i nuovi appuntamenti di Piattaforma Live, rassegna multidisciplinare promossa a Umbertide da Anonima Impresa Sociale, con il sostegno della Fondazione Perugia nell’ambito del programma “Bando Arte 2023. Eventi culturali per la promozione del territorio”.

Si comincia giovedì 3 agosto, alle 18.30, con la presentazione in piattaforma del libro Ruggine al sole (edizioni Fve) di David Laurenzi. Ambientato nella stagione sospesa di un’estate in campeggio, il romanzo è scandito in giorni di ricognizione attorno alla roulotte, contando le ore su ogni sigaretta accesa, e in notti fatte di prove di resistenza nei bagni del camping, per stanare il coraggio con le unghie. Il protagonista del testo di Laurenzi – un ragazzino di dodici anni che indossa sempre sulla testa un cappello rosso, quasi fosse un talismano, e che si è lasciato alle spalle, insieme alla madre, un rompicapo fatto della stessa sostanza dei fantasmi, un passato prossimo che torna a ossessionare i giorni e le notti – si accosta alle altre celebri rappresentazioni di ragazzini della letteratura, condividendo la testardaggine dell’Agostino di Alberto Moravia e la solitudine del giovane Holden di J.D. Salinger, vivendo sulla propria pelle l’intricato rapporto madre-figlio e la crudeltà che i misteri di famiglia sono in grado di dimostrare.

Dopo l’incontro pomeridiano, Laurenzi, si occupa da vari anni di letteratura, scienze sociali e cinema – introdurrà in serata la proiezione del film L’amore secondo Dalva, di Emmanuelle Nicot.

Lunedì 7 agosto alle 21.30 sul grande schermo in piattaforma verrà proiettato Tomica e le vie segrete della Sibilla, un documentario di Andrea Frenguelli che racconta una storia alpinistica dei Monti Sibillini, prendendo spunto dalla prima ripetizione in libera della sua via di arrampicata sportiva più impegnativa – Tomica – affacciata sui laghi di Pilato, nel cuore del Parco Nazionale. Il film segue le mosse di Gabriele, giovane alpinista cresciuto nel mito di un percorso leggendario e inviolato: i tentativi, le salite sui sentieri, le notti in bivacco, fino alla catartica liberazione della via. Un filo rosso che si intreccia con le storie dei vecchi e dei nuovi protagonisti di queste montagne, da sempre portatrici di un’aura di mistero e in costante, per quanto spesso tragico, cambiamento.