Pubblicato bando del Corecom Umbria “Tv di comunità” intitolato “Turismo slow: raccontare per promuovere l’Umbria. Economia e cultura, il futuro è digitale”

352
 

Pubblicato bando del Corecom Umbria “Tv di comunità” intitolato “Turismo slow: raccontare per promuovere l’Umbria. Economia e cultura, il futuro è digitale”. Attenzione rivolta a emittenti televisive, radio e organizzazioni del Terzo settore

Il Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom Umbria) ha pubblicato i bandi del progetto “Tv di comunità” intitolato “Turismo slow: raccontare per promuovere l’Umbria. Economia e cultura, il futuro è digitale” rivolti a emittenti televisive e radio (https://tinyurl.com/TV-Comunit) e organizzazioni del Terzo settore (https://tinyurl.com/Tv-Com-Terzo). L’iniziativa, che si focalizza quest’anno sul turismo lento, ha l’obiettivo di sostenere con un contributo la realizzazione di video tutorial e podcast narrativi, attraverso il coinvolgimento dei minori, anche per un uso consapevole della tecnologia.

“Il turismo lento – evidenzia il Corecom – diventa il motore di sviluppo dei territori interni, delle piccole realtà ricche di tradizioni, che i giovani sono chiamati a conoscere, conservare, comunicare”.

Comunicare, dunque, attraverso l’uso di nuovi linguaggi, per divulgare cultura ed economia al tempo dei media. Questo l’obiettivo del progetto “Tv di comunità 2019”, ideato con lo scopo di sensibilizzare il tema dell’importanza sociale ed economica del patrimonio culturale, e promuovere allo stesso tempo un comune senso di responsabilità. Un racconto ideato per i giovani, fatto dai giovani. Un viaggio per immagini elaborato per raccontare esperienze, storie, realtà locali, bellezze storiche e paesaggistiche attraverso l’uso di linguaggi di facile comprensione e dalla comunicazione più diretta, spendibili attraverso i canali social, fruibili da smartphone e tablet.

“Tra le proposte partecipanti, e quindi regolarmente pervenute al Corecom Umbria entro trenta giorni dalla pubblicazione dell’Avviso (6 dicembre 2019 – 5 gennaio 2020), saranno selezionati da una giuria di esperti del settore cinque produzioni fra quelle presentate da enti ed organizzazioni del terzo settore, quattro dalle emittenti televisive e tre da quelle radiofoniche”.