Proposta Mozione sul “Caso” Baby Gang in Umbria

542

Presentata dal Consigliere Regionale Francesca Peppucci

 

Il Consigliere Regionale, Francesca Peppucci, annuncia una proposta di Mozione sul problema Baby Gang in Umbria, per richiamare l’attenzione sul fenomeno. Troppo spesso prepotenza e bullismo degeneranonell’illegalità, è necessario un servizio di volontariato per i minori che compiono atti di violenza.

 “Il problema delle Baby Gang è un problema sempre più diffuso anche nella Regione Umbria. Un fenomeno purtroppo troppo spesso sottovalutato ma che deve essere affrontato con decisione e tempestività a tutti i livelli istituzionali, perché i giovani di oggi saranno gli adulti di domani- dichiara il Consigliere Peppucci- “Proprio per questo porterò all’attenzione dell’Assemblea legislativa il tema attraverso una mozione, affinché la Regione Umbria si attivi verso i Comuni umbri al fine di promuovere collaborazioni con gli istituti scolastici, le associazioni, gli enti del terzo settore,  per impiegare i minori coinvolti in azioni criminose o di bullismo in servizi di volontariato. Ritengo che sia necessario tornare ad una educazione civile per i minori che compiono atti di violenza, ripartendo dalle cose semplici ma importanti che la vita ha da offrire, in modo da essere anche di supporto e aiuto per la società. Infatti i ragazzi e le ragazze che fanno parte di baby gang, appartengono a diversi ceti sociali e si strutturano in gruppi definiti, con regole precise e condotte determinate, che sfociano in atti illegali. Solleciterò inoltre la Giunta regionale- conclude Peppucci- ad elaborare un piano di monitoraggio costante di questi fatti in sinergia con l’Anci e le Forze dell’Ordine, oltre a promuovere e sollecitare nelle scuole iniziative di educazione civica e sociale, volte a rendere i ragazzi consapevoli rispetto al fenomeno e alla repressione del fenomeno delle baby gang, perchè siamo in piena emergenza educativa”