Il Presidente di Confindustria ricorda Ulderico Falconi

769
Confindustria Umbria: presentata la nuova Accademia Manageriale
 

Nei giorni scorsi ci ha lasciato in modo improvviso Ulderico Falconi per molti anni punto di riferimento dell’imprenditoria provinciale. Ernesto Cesaretti, presidente di Confindustria Umbria, nel giorno delle esequie, vuole ricordare la figura di Ulderico Falconi che dal 1995 al 2004 è stato direttore di Assindustria Perugia e precedentemente ha ricoperto l’incarico di vice direttore e responsabile dell’area Sindacale dell’Associazione.

“La sua prematura scomparsa – ha detto Cesaretti – ha lasciato sgomento e rimpianto nei tantissimi imprenditori che hanno avuto occasione di intrattenere con lui rapporti umani e di lavoro da quando è arrivato a Perugia assumendo la responsabilità dell’Ufficio sindacale dell’Associazione Industriali. Falconi è stato un professionista intelligente e di grande competenza che in momenti difficili è stato a fianco di tante nostre aziende sapendo dialogare con le Organizzazioni Sindacali dei lavoratori per trovare con esse, in tante occasioni, le soluzioni più appropriate per tutelare il lavoro e l’impresa. Con le sue doti umane e la sua capacità di mediazione si è guadagnato rispetto e stima unanimi. Ne è testimonianza la grande partecipazione, durante l’ultimo saluto, di tanti imprenditori e rappresentanti dei lavoratori non solo regionali ma anche nazionali che ne hanno conosciuto ed apprezzato le straordinarie doti professionali e di umanità nelle tante trattative per il rinnovo di alcuni importanti contratti collettivi nazionali di lavoro dei settori trainanti dell’economia.”

“In occasione della nostra ultima Assemblea annuale ad ottobre – ha ricordato Cesaretti – non ha mancato ancora una volta di portare il suo prezioso contributo di esperienza con un intervento con cui ha voluto sottolineare l’importanza, in una fase ancora critica per la nostra economia, di trovare all’interno delle aziende le soluzioni più utili per accrescerne la competitività anche attraverso il coinvolgimento dei lavoratori”.