“Nuovo lutto in un ospedale a causa dell’assenza di personale e strumentazioni adeguate”

808

Nota di Bori (Pd)

“Dopo i tragici fatti di Orvieto di poche settimane fa, oggi, ci troviamo di fronte a un nuovo lutto da piangere, avvenuto in un ospedale a causa dell’assenza di personale, strutture e strumentazioni adeguate e necessarie. Ciò dimostra quanto una sanità svuotata delle proprie funzioni più importanti, possa arrivare a compromettere non solo la salute, ma anche la sopravvivenza dei cittadini. Specie in casi di emergenza e urgenza, in particolare cardiologica, che è notoriamente tempo dipendente”.

   

Così il consigliere regionale Tommaso Bori (Pd-vicepresidente Commissione sanità) sulla notizia della morte per infarto di una persona che si era rivolta all’ospedale di Spoleto.

“La Giunta Tesei – afferma Bori – è chiamata a garantire a tutti i cittadini il diritto alla salute, non a negarlo. I servizi pubblici vanno dunque potenziati, non tagliati. Non è accettabile che oltre 60 mila cittadini vengano lasciati senza cardiologia h24. Anche alla luce di questi fatti e tenendo bene a mente le dichiarazioni della Procuratrice regionale della Corte dei Conti, occorre una riflessione profonda sullo stato della sanità pubblica in Umbria targata Tesei e Coletto. Occorre intervenire urgentemente e seriamente, non basta chiedere tardivi approfondimenti a posteriori rispetto ad eventi tragici come quelli a cui stiamo giornalmente assistendo”.