Morte di Franco Buitoni. Marini: “Uomo intelligente e di cultura”

513
Sisma, Marini:

“La scomparsa di Franco Buitoni rappresenta una grave perdita per il mondo della cultura e della musica italiane ed umbre”: lo ha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, mettendone in risalto “la sua feconda azione di promozione della musica classica e di intelligente mecenatismo culturale, nel solco di una tradizione familiare che ha dato a Perugia e all’Umbria ricorrenti occasioni per presentarsi come palcoscenico di eventi musicali che hanno visto la presenza dei più grandi interpreti a livello internazionale”. “Per molti anni, presidente dell’Associazione amici della Musica, – ha aggiunto Marini – Franco Buitoni è stato fondamentale interlocutore e diretto protagonista di tanta parte delle iniziative culturali, di alto livello, promosse e sostenute dalle istituzioni umbre. Anche a nome della Giunta regionale dell’Umbria – conclude Marini – esprimo profondo cordoglio e le più sentite condoglianze alla moglie, la sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, e ai familiari”. “Perugia perde un uomo di profonda cultura che ha donato molto alla sua città”. Con queste parole l’Amministrazione comunale ha invece ricordato Franco Buitoni, già iscritto all’Albo d’oro cittadino nel 2013. “Negli anni Buitoni, grazie alla sua professionalità, alla sua competenza e alla grande passione ha regalato un significativo contributo alla vita culturale perugina, in particolar modo nell’ambito della musica classica. L’Amministrazione e la città tutta, nell’esprime ancora una volta sincera riconoscenza a Franco Buitoni per quanto fatto, si stringono attorno alla famiglia”. “Franco Buitoni, esponente della più significativa dinastia industriale della storia umbra – ha scritto da parte sua l’Assessore alla Cultura del Comune Teresa Severini – rappresenta il volto illuminato di chi vede nel successo d’impresa un obbligo morale nei confronti della città. Con la sua competenza e il mecenatismo che apparteneva alla sua visione di uomo di cultura, felicemente condiviso con sua moglie Ilaria Borletti Buitoni Trust, ha per decenni assicurato a Perugia prestigio e musica ad altissimo livello. Ora, in silenzio, e con il suo stile di sempre, ha lasciato i suoi concerti, la musica amata, l’amicizia con i più grandi artisti, e in noi un grande rimpianto e un ricordo profondo di eleganza, umanità e generosità.”