Sanitopoli: ex Presidente Marini rinviata a giudizio

82
La Marini esprime il suo dolore per la morte di Alessandro Laureti
Fonte e foto: Ansa.it
 

Sanitopoli: ex Presidente Marini rinviata a giudizio. L’accusa: associazione per delinquere in relazione ai presunti concorsi pilotati al’Ospedale di Perugia

L’ex presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, Pd, è stata rinviata a giudizio dal gup di Perugia per associazione per delinquere in relazione ai presunti concorsi pilotati all’ospedale di Perugia. Stesso provvedimento per l’ex assessore regionale alla Sanità Luca Barberini, per l’ex sottosegretario e segretario umbro del Partito democratico Gianpiero Bocci, per l’ex direttore generale dell’Azienda ospedaliera Emilio Duca e quello amministrativo Maurizio Valorosi.

Secondo la ricostruzione accusatoria, Marini e gli altri indagati si erano associati al fine di commettere una serie di delitti contro la pubblica amministrazione “finalizzati alla manipolazione sistematica dei concorsi pubblici banditi dall’Azienda ospedaliera di Perugia e dall’Usl Umbria 1 per garantire la vittoria o il posizionamento ‘utile’ in graduatoria dei candidati “determinati dagli stessi associati”. In particolare Marini, Barberini e Bocci – hanno ritenuto i pm –

“creavano una vera e propria rete di sistema attraverso cui condizionavano gran parte dei concorsi pubblici gestiti gestiti dall’Azienda ospedaliera di Perugia e da altre aziende sanitarie umbre”.

Fatti che secondo l’accusa sarebbero avvenuti dagli inizi del 2018 a metà dell’aprile 2019.

Un’inchiesta che portò tra l’altro alle dimissioni dell’allora presidente Marini e alle elezioni anticipate per la Regione Umbria. “Affronteremo il processo fiduciosi di poter dimostrare l’innocenza della mia assistita” ha detto il suo difensore, l’avvocato Nicola Pepe.
Diversi i singoli episodi legati ai vari concorsi contestati a oltre una trentina d’indagati coinvolti nell’udienza preliminare e per alcuni il gup ha disposto il proscioglimento, mentre per gli altri il rinvio a giudizio.

“Le accuse nei confronti di Duca – ha detto all’ANSA il suo difensore, l’avvocato Francesco Falcinelli – sono state ridimensionate. Per diversi degli episodi contestati d’è stato il proscioglimento nel merito e le altre sono poche e marginali. Siamo fiduciosi”.