Monte Lago festeggia Sant’Andrea

682

La bella chiesa di sant’Andrea ha accolto ieri sera, 30 novembre, la comunità di Monte del Lago, Magione, per festeggiare tutti insieme il Santo patrono. Una tradizione antichissima legata a una delle attività più importanti del Trasimeno: la pesca di cui è santo protettore. Andrea, infatti, esercitava il mestiere di pescatore sul lago di Tiberiade insieme con il fratello Simone. Fu, con Giovanni e con Pietro, fra i primi apostoli di Gesù. A celebrare la messa erano presenti alcuni parroci del vicariato di Magione: don Stefano Orsini e don Giorgio rispettivamente parroco e vice parroco di Magione; padre Francesco, parroco di Agello; don Vincenzo parroco di Monte del Lago e San Feliciano. Alla celebrazione era presente anche il Cancelliere della curia Marco Pezzanera. Una festa molto sentita dal monteggiani che ricordano i tempi in cui, grazie alla presenza della confraternita, veniva effettuata anche una grande processione con la statua del santo, attualmente conservata dentro la chiesa paesana a lui dedicata, che percorreva tutto il paese con momenti di benedizione nei quattro punti cardinali. Non mancano gli aneddoti sul rapporto tra il santo e i pescatori. “Certo – ricordano i più anziani del posto – qualche volta, quando la pesca non era buona, volavano anche parole grosse ma poi, in occasione della festa, si assisteva a grandi gesti di devozione nei confronti della statua”. Una statua che, grazie all’interesse di uno dei paesani, fu completamente restaurata a Firenze restituendogli il caratteristico colore argento del volto. La messa è stata accompagnata dai canti eseguiti dal coro di san Feliciano. Tra i presenti anche il sindaco Giacomo Chiodini. Come è tradizione in tanti altri paesi, sia in Italia che all’estero in occasione dei festeggiamenti per Sant’Andrea, la serata si è conclusa con la degustazione di piatti tipici.