Mobilità elettrica, arriva il “Prime”

529
La colonnina di ricarica veloce per le auto elettriche fotografata durante la presentazione di "Fast recharge plus", il sistema di ricarica veloce per i veicoli elettrici, Pomezia, 04 febbraio 2015. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Triplicare le stazioni di ricarica (da 110 a 250-300 colonnine) e raddoppiare il parco veicolare elettrico in Umbria ponendosi l’obiettivo di un veicolo elettrico ogni 4.100 abitanti, il tutto entro il 2020: questo lo “scenario evolutivo” previsto dal Prime, il Piano regionale per le infrastrutture e la mobilità elettrica, adottato dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente, Fernanda Cecchini. Il ‘Prime’ ha la funzione di coordinare le politiche-azioni nel campo della mobilità elettrica. Contiene un censimento completo ed aggiornato delle infrastrutture di ricarica già installate o programmate o in fase di progetto nel territorio umbro. Dallo studio emerge che nella provincia di Perugia la concentrazione delle stazioni di ricarica è superiore alla provincia di Terni e in generale si registra una scarsa copertura della rete di ricarica.

Fonte: Ansa.it