Lavoro, Roberto Girolmoni di Sol: “Trend positivo sotto Natale

257
dav
   

Nella vendita elevata richiesta di commessi, anche digitali, promoter, banconisti, scaffalasti e addetti al back office dei reparti

 

Perugia, 21 novembre – Nonostante il clima di incertezza e la frenata economica, l’occupazione continua a segnare numeri positivi. A far ben sperare, dopo i dati Istat, anche le previsioni di Excelsior, diffusi da Unioncamere e Anpal. A novembre le assunzioni previste dalle imprese sono infatti oltre 430mila, con un incremento rispetto allo scorso anno del +12,6 per cento, +48mila inserimenti preventivati. Segnali positivi che riguardano anche i prossimi tre mesi: nel trimestre novembre 2023 – gennaio 2024 gli ingressi programmati dalle aziende sono poco più di 1,3 milioni, per un aumento dell’8,4 per cento (+101mila assunzioni) rispetto al trimestre novembre 2022 – gennaio 2023.

“A confermare questo trend positivo – spiega Roberto Girolmoni, consulente del lavoro e titolare dell’agenzia ‘Soluzione lavoro spa’ – è anche una rivelazione effettuata da Assolavoro (Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro) Datalab su dati interni al settore e su fonti terzi qualificate, ovvero Excelsior, Linkedin, Indeed, Trovit. Saranno più 35mila le opportunità offerte dalle agenzie per il lavoro nel bimestre novembre-dicembre 2023, in vista del Natale. Nella vendita e nei servizi collegati, infatti, c’è una richiesta elevata di commessi, anche digitali, promoter, banconisti, scaffalasti e addetti al back office dei reparti”.

A spingere l’occupazione sono i servizi alle persone, con 50mila assunzioni nel mese, ma soprattutto la buona dinamica del turismo, con 66mila entrate previste a novembre, del commercio, con 68mila assunzioni, e su quest’ultimi due settori influisce il prossimo periodo natalizio. Il settore della gestione degli ordini, della logistica e dei trasporti, infatti, offre numerose opportunità, soprattutto per gli addetti alla preparazione degli ordini, anche per e-commerce, al picking, ma anche per corrieri, fattorini e mulettisti. “Le richieste arrivano anche per le figure professionali operanti nella ristorazione e nelle attività ricettive – continua ancora Girolmoni –, come barman e addetti alla cucina e alla caffetteria. Inoltre, nel periodo natalizio, vi sono anche molte richieste per profili artistici e tecnici, tra i quali decoratori, addetti alle luminarie e montatori di casette di Natale e stand”. Solitamente queste professionalità richiedono flessibilità, disponibilità a lavorare su turni e nei giorni festivi e una buona conoscenza di almeno una lingua straniera. E i contratti di lavoro sono per lo più in somministrazione, quindi con le tutele e la retribuzione di un lavoratore dipendente.