Ceramica made in Umbria: assegnato ad Assisi il premio internazionale “Il segno del tempo”

682
Misure di sicurezza nell'area della Basilica di Assisi
 

Si è tenuta ad Assisi la premiazione di professionisti e studenti che hanno partecipato al concorso internazionale “Il segno del tempo”, bandito dalla Regione Umbria e dall’Associazione per il Disegno Industriale (Adi) nell’ambito del  progetto “Ceramica made in Umbria”, finalizzato alla promozione e al rilancio della ceramica locale partendo dalla tradizione secolare della sua arte decorativa. Prima classificata per la sezione professionisti Agustina Mara Bottoni, seguita da   Jessica Russo (seconda classificata) e da Paola e Andrea Biancalana (terzi classificati), mentre la sezione studenti è stata vinta da Carla Pisano, seguita da Beatrice Marotta e  Giada Legnani (seconde classificate) e da  Elisabetta Cozzolino  e Adriana Liotta (terze classificate). Assegnate anche le menzioni speciali per la sezione studenti a Martina Gobbi e per i professionisti a Carlo Antonelli, Noemi Romano, Anna Paola Marinozzi, Lucia Massari, Niina Aalto, Chiara Capuano e Davide Mele. Al concorso, cui hanno partecipato oltre 150 tra professionisti e studenti italiani e stranieri, invita progettisti e designer, grafici e illustratori, artisti e ceramisti, sia a livello nazionale che internazionale, a reinterpretare la decorazione della maiolica artistica umbra, alla luce della sensibilità estetica contemporanea. Tra le diverse tecniche di decorazione della ceramica questo concorso si concentra in particolare sulla quella della maiolica. Dal Medioevo, passando attraverso l’epoca d’oro del Rinascimento – spiegano gli organizzatori -,   la decorazione della ceramica in Umbria ha raggiunto alti livelli di qualità artistica ed esecutiva e numerosi esemplari sono ammirati e conservati nei musei e nelle collezioni più importanti del mondo.