Cementerie Barbetti rassicurano i cittadini sulle combustioni di sabato scorso

72
 

Cementerie Barbetti rassicurano i cittadini sulle combustioni di sabato scorso. “Si è verificatala combustione di materiale in gomma”

Di seguito, la nota stampa delle Cementerie Aldo Barbetti SpA in merito a quanto accaduto nella mattina di sabato 21 novembre.

In riferimento ad alcune indiscrezioni di stampa, la Cementerie Aldo Barbetti SpA comunica che presso il proprio stabilimento di Gubbio, nella mattina di sabato 21 novembre u.s., si è esclusivamente verificata la combustione di materiale in gomma, in particolare delle bandelle dal peso di pochi kilogrammi, subito rientrata nella normalità. Nelle prime ore della giornata una parte di materiale naturale normalmente presente nel ciclo produttivo, in particolare semplice polvere di pietra incandescente e con l’elevata temperatura di circa 900 gradi,  è accidentalmente venuto in contatto con una copertura in gomma (di circa 3 metri quadrati) che si è conseguentemente surriscaldata ed incendiata. Nessuna persona e nessun impianto produttivo o parti di esso, ed in particolare nessun filtro cosiddetto anti-emissioni, è stato interessato in alcun modo nell’evento. Per assoluto eccesso di prudenza e per assicurare la prioritaria sicurezza del personale e degli impianti, i tecnici preposti e presenti hanno chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco che l’Azienda ringrazia per il tempestivo intervento. La direzione aziendale conferma che la minimale portata dell’accaduto poteva comunque essere gestita tranquillamente attraverso il solo ausilio di personale e mezzi interni allo stabilimento. La Cementerie Aldo Barbetti S.p.A. smentisce ogni ricostruzione dell’accaduto diversa da quella sopra riportata e soprattutto respinge ogni tentativo di strumentalizzazione di tale evento in relazione al dibatto in corso sull’impatto ambientale dei cementifici eugubini. La Cementerie Aldo Barbetti S.p.A. rimane direttamente a disposizione di chiunque ne fosse interessato per fornire tutti i dettagli tecnici dell’accaduto.