Bullismo, studenti in piazza a Pietrafitta per gridare “no”

139

Flashmob, incontri con gli esperti e un concorso creativo: le tante iniziative dell’Istituto di Vallata in occasione del 7 febbraio

   

A Pietrafitta alunni in piazza per dire no al bullismo.

È quanto accaduto la settimana scorsa in occasione della “Giornata contro il bullismo ed il cyberbullismo”.

Ad attivarsi in un vivace flashmob sono stati i ragazzi della quinta e della prima Secondaria. I giovani studenti hanno voluto gridare il loro no a qualsiasi forma di discriminazione:

“Non vogliamo prenderci gioco di chi è diverso e di chi non è allineato con il nostro modo di pensare o di agire – hanno promesso a gran voce -, ma ci impegneremo ad imparare ad accogliere tutti con il sorriso”.

L’iniziativa di Pietrafitta non è stata l’unica attività promossa dall’Istituto comprensivo Panicale Piegaro Paciano in occasione della ricorrenza del 7 febbraio.

Su proposta del Consiglio Comunale dei Ragazzi del Comune di Piegaro, in accordo con  la commissione Bullismo dell’Istituto, si è dato vita ad un’opera di sensibilizzazione tra gli alunni per cercare di favorire comportamenti che possano prevenire azioni contrarie alle regole di convivenza civile e al rispetto per l’altro.

“Nella consapevolezza che questa opera di prevenzione viene svolta da ogni docente nel corso dell’anno – comunica la scuola -, si è comunque ritenuto opportuno proporre attività che promuovano la riflessione e il dibattito sui fenomeni del bullismo e del cyberbullismo”.

E così, oltre al flashmob, c’è da segnalare, sempre a Pietrafitta l’incontro che gli alunni della Primaria hanno avuto con l’Associazione Libertas Margot e SIULP. Incontro in cui gli esperti Emanuele Florindi, Daria Sheverskyh e Angelo Biondo hanno coinvolto gli alunni parlando loro delle emozioni e di quanto queste incidano sulle nostre relazioni. Grazie al linguaggio semplice, ma accattivante utilizzato dagli esperti i bambini hanno partecipato con grande interesse e condiviso riflessioni importanti su argomenti complessi come appunto bullismo e cyberbullismo.

Molto suggestivo anche l’evento che ha contraddistinto la Giornata contro il bullismo di Piegaro. Qui i ragazzi della primaria e secondaria si sono disposti all’esterno della scuola in modo da comporre un nodo blu, simbolo del contrasto al bullismo, dedicandolo a tutte le bambine e i bambini che stanno imparando a volersi bene. Tante attività tematiche infine anche a Tavernelle, presso la scuola dell’Infanzia e la Secondaria dove i ragazzi sono stati invitati a realizzare fantasiosi segnalibri su cui è stato riprodotto il “nodo blu”.

Per tutte le classi l’Istituto ha poi indetto il concorso “Uniti contro il bullismo: fermiamo i monelli con i pennarelli” per la creazione di un volantino con un disegno e uno slogan contro il bullismo o il cyberbullismo. La commissione, formata da alunni e insegnanti del CCR di Piegaro, giudicherà i vari elaborati e ne sceglierà tre, che verranno stampati, consegnati nei vari plessi dell’Istituto e distribuiti alla cittadinanza. Gli elaborati dovranno essere pronti per il 15 febbraio.