Bankitalia: “La ripresa dell’Umbria è debole”

1002
Cortile di Francesco 2018:
   

Nella prima parte del 2016 è proseguita la fase di crescita dell’attività economica umbra che era cominciata l’anno scorso, ma la ripresa si è indebolita e risulta poco omogenea: lo si evince dai dati dell’Aggiornamento congiunturale sull’economia dell’Umbria, reso noto stamani dalla Banca d’Italia. Il contributo delle esportazioni si è confermato positivo, seppure in calo, mentre la domanda interna è tornata stagnante. Nel corso dell’anno il clima di fiducia si è deteriorato; le previsioni degli operatori delineano per i prossimi mesi un andamento ancora poco vivace. Il fatturato delle imprese industriali ha continuato ad aumentare sebbene con minore intensità rispetto al 2015; la crescita si è concentrata tra le aziende di maggiori dimensioni. L’attività dell’edilizia è tornata a ridursi, e nel terziario si è registrato un calo delle vendite al dettaglio.