Usl Umbria 1, tenuto il primo corso di formazione sul progetto Ipazia

1252

Il progetto ministeriale, della durata di due anni, si occupa delle strategie di prevenzione della violenza contro le donne e i minori

   

Un corso per formare i primi operatori dell’Usl Umbria 1 che insegneranno, a loro volta, le tecniche preventive per l’individuazione e la presa in carico delle vittime di violenza. E’ quanto si è svolto dal 21 al 23 marzo scorso presso il centro di formazione di Perugia dell’Azienda sanitaria.

Questo tipo di corso è stato organizzato perché nel 2021 l’Usl Umbria 1 ha aderito ad un progetto Ministeriale promosso dal CCM (Centro nazionale per il controllo e la prevenzione delle malattie) e dall’Istituto Superiore di Sanità della durata di due anni dal titolo: “Ipazia Ccm 2021 – Strategie di prevenzione della violenza contro le donne e i minori, attraverso la formazione di operatori e operatrici di area sanitaria e socio sanitaria con particolare riguardo agli effetti del Covid-19”. Partecipano allo studio solo 6 regioni di cui la capofila è la Toscana (Azienda Usl Toscana Sud-Est) ed il coordinatore scientifico nazionale del progetto è Vittoria Doretti. Per l’Usl Umbria 1, invece, il responsabile scientifico del progetto è Gioia Calagreti, dirigente medico del Polo ospedaliero Alto Tevere e referente del Rischio clinico aziendale. Obiettivo del progetto – che ha una durata di 24 mesi (novembre 2021-novembre 2023), con possibilità di estensione ai primi mesi del 2024 – è quello di sperimentare un modello formativo, basato sulla metodologia del Problem Based Learning – competence oriented, rivolto a operatrici e operatori dei servizi sanitari e socio-sanitari territoriali per l’individuazione e la diffusione di tecniche di prevenzione e di presa in carico della donna o del minore che ha subito violenza.

L’Usl Umbria 1, che sarà responsabile della realizzazione della formazione a cascata su tutte le aziende sanitarie regionali a partire dal 2024,  ha inviato 4 professioniste del gruppo di lavoro del progetto Ipazia – Roberta Fratini, Sara Aringoli, Elisa Ceciarini e Martina Baldassarri – presso l’Istituto Superiore di Sanità per formarle come facilitatori dell’apprendimento. In seguito, Gioia Calagreti e Mara Fabrizio, referente regionale del centro unico di formazione, hanno strutturato un corso (inserito nel piano regionale e quindi accreditato ECM) per formare operatori di tutta l’Azienda.

Al corso che si è tenuto nei giorni scorsi a Perugia hanno partecipato in qualità di docenti – oltre alla responsabile scientifica del progetto locale e ministeriale Gioia Calagreti e a Mara Fabrizio – Alfonso Mazzaccara, primo tecnologo dell’Istituto Superiore di Sanità, Sonia Viale, dirigente psicologo Nihmp (Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e il contrasto delle malattie della Povertà) di Roma, Claudio Pagliara, direttore Uosd Codice Rosa Salute e Medicina di genere della Regione Toscana, Lorenza Scateni, assistente sociale del Comune Città di Castello, e Silvia Fornari, giudice onorario del Tribunale minori di Perugia.

L’adesione al progetto e la relativa formazione testimonia ancora una volta il grande impegno dell’Usl Umbria 1 nella prevenzione e nella lotta contro la violenza di genere e sui minori e rappresenta l’inizio della formazione a cascata che coinvolgerà in primis gli operatori della stessa Azienda sanitaria e poi tutti gli operatori delle aziende della regione Umbria.