Premiazione nazionale del progetto ”Latuaideaimpresa”

1029
   

Sono state due le scuole superiori umbre che hanno ottenuto un riconoscimento nell’ambito della V edizione del concorso “latuaideadimpresa”, il business game promosso da Confindustria e Giovani Imprenditori, con il patrocinio del ministero dell’Istruzione, che visto sfidarsi più di 3mila studenti di quasi cento scuole italiane. Le due scuole della regione sono l’Istituto Tecnico Tecnologico “Alessandro Volta” di Perugia e il Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Terni. Per il Volta hanno partecipato alcuni studenti delle classi 2° BC e 4° AC, coordinati e accompagnati dalla docente Roberta Balducci. Questo gruppo ha sviluppato la piattaforma ed app “FoodLet”, che punta a ridurre gli sprechi alimentari mettendo in contatto i venditori che hanno prodotti in scadenza con potenziali compratori. Questo progetto è stato premiato con il premio speciale Wind istituito per promuovere il valore della trasparenza ed assegnato alle idee d’impresa che sanno creare servizi utili e innovativi sfruttando la capacità del web di condividere dati e informazioni in modo “open” e far collaborare tra loro le persone. I ragazzi hanno ricevuto come premio un Samsung Galaxy A5 ciascuno. Alcuni allievi delle classi quinte del Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Terni, con il supporto del professor Oreste Batori, hanno sviluppato la app “Itineris – Find Your Way!”, che serve a calcolare gli itinerari cittadini percorribili attraverso i mezzi pubblici di trasporto ed i relativi servizi. Questo progetto ha ottenuto il settimo posto assoluto del concorso su 16 progetti che avevano avuto accesso alla fase finale del contest. La cerimonia finale di premiazione delle idee d’impresa vincitrici si è svolta nei giorni scorsi a Roma nella sede dell’Università la LUISS.

“Aderiamo ogni anno a questa iniziativa nazionale di Confidnustria – ha sottolineato Ernesto Cesaretti, presidente di Confidnustria Umbria – perché riteniamo che incoraggiare gli studenti degli istituti superiori a sviluppare nei programmi scolastici progetti di impresa sia certamente utile a stimolare lo spirito imprenditoriale delle giovani generazioni e ad agevolare l’incontro tra il mondo della scuola e quello dell’impresa, garantendo così nuove energie alle potenzialità di sviluppo della nostra regione e del nostro Paese”.