Inaugurata la scuola d’infanzia green a Città di Castello

213

Produrrà autonomamente l’energia per il suo fabbisogno

   

Sicura, più bella, con un’idea moderna incontro tra spazi interni ed esterni al servizio della didattica, ma soprattutto green: è stata inaugurata la nuova scuola dell’infanzia di Montedoro, a Città di Castello, che produrrà da sola l’energia elettrica per il suo fabbisogno e ospiterà un’oasi per la purificazione dell’ambiente. La scuola è infatti un edificio con classificazione nZEB (nearly Zero Energy Building), in grado di produrre autonomamente da fonti rinnovabili l’energia necessaria al proprio fabbisogno per riscaldamento, illuminazione e alimentazione elettrica, ma è anche una struttura che pensa alla salute e al benessere dei bambini e del personale scolastico: la grande aiuola interna collocata nell’atrio ospita infatti un giardino d’inverno adornato con piante che hanno la caratteristica di purificare gli ambienti, metabolizzando le componenti presenti nell’aria rilasciate dai materiali edili e dai prodotti per la pulizia, ma assorbendo anche le onde elettromagnetiche che interagiscono con l’organismo umano. Un’oasi di benessere sulla quale campeggia un elemento ornamentale originale: piante di banano trapiantate dal giardino di palazzo Corsi, dove da anni un tenace boschetto vive ormai pienamente naturalizzato, un omaggio alla storia della città che offrirà ai bambini frutta a chilometri zero. Per i lavori di adeguamento sismico ed efficientamento energetico sono stati investiti 1 milione e 200 mila euro, di cui 80.000 euro a carico del Comune e 377.290 del Gestore dei servizi energetici.

“Questa scuola infatti è pensata come una casa per i bambini, è bella, sicura, efficiente dal punto di vista energetico, con tante accortezze e particolari che guardano al benessere di chi trascorre qui gran parte della propria giornata e che sono il risultato di una progettazione pensata e condivisa dall’amministrazione comunale con un gruppo di lavoro espressione di questa scuola, delle sue sensibilità e delle sue competenze”, ha sottolineato il sindaco Luca Secondi.