I Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria in visita al Parco 3A

98

La visita si è svolta a margine del convegno “Innovazione digitale nel settore agroalimentare per la tracciabilità e la qualità dei prodotti”

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria ha visitato il 3A-Parco Tecnologico agroalimentare dell’Umbria, a Pantalla di Todi, realtà di eccellenza regionale in termini di ricerca, innovazione e certificazione.

La visita si è svolta a margine del convegno “Innovazione digitale nel settore agroalimentare per la tracciabilità e la qualità dei prodotti”, organizzato dai Giovani Imprenditori al Parco 3A per approfondire l’applicazione della blockchain nel settore dell’agroalimentare e del food.

Un’occasione di confronto tra imprese e istituzioni, che ha posto l’accento sulle numerose opportunità offerte dalla tecnologia per garantire la tracciabilità e qualità dei prodotti.

Ai lavori, aperti dalla Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria Cinzia Tardioli e dal Presidente della Sezione Agroalimentare di Confindustria Umbria Cristiano Ludovici, sono intervenuti l’Assessore regionale alle Politiche agricole e agroalimentari Roberto Morroni, l’Amministratore Unico del Parco 3A Marcello Serafini, il Vice Presidente di Umbria Digital Innovation Hub Gianluca Reali, l’Avvocato Elisabetta Torzuoli e Daniele Grigi, Amministratore di Grigi Alimentare & Food Italiae. Ha moderato l’incontro Eleonora Venturi, Delegata del Gruppo Giovani Imprenditori alla Sostenibilità.

“Questa iniziativa – ha sottolineato la Presidente Cinzia Tardioli – ha permesso al Gruppo Giovani Imprenditori di conoscere più da vicino il Parco 3A, che svolge un ruolo determinante nel favorire la diffusione dell’innovazione in ambito alimentare e ambientale, rappresentando un punto di riferimento per il nostro territorio. Abbiamo inoltre analizzato temi di grande importanza per l’industria alimentare, che evidenziano il ruolo della tecnologia come leva strategica per affrontare le sfide contingenti”.

“La contaminazione e lo scambio di esperienze con le imprese – ha evidenziato l’Amministratore Unico del Parco 3A Marcello Serafini – è per noi un valore aggiunto essenziale del lavoro che quotidianamente svolgiamo. Farlo con quelle energie nuove che propongono una interessante visione del futuro e delle scelte strategiche da fare per aiutare lo sviluppo della nostra regione e dei comparti produttivi è decisamente un reciproco arricchimento che speriamo si possa replicare spesso”.