Gravi gli ustionati trasferiti a Milano e a Cesena. Migliorano invece i due di Roma

671
 

Restano molto gravi le condizioni di due degli ustionati nello scoppio della bombola di gas di Colombella, trasferiti al Niguarda di Milano e al centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena. La conferma arriva dal Prof. Luca Stingeni , tra i primi sanitari ad occuparsi dei feriti al loro arrivo nella sala emergenza del Pronto Soccorso del S. Maria della Misericordia, sempre in contatto con i due Centri.

“La prognosi è sempre  riservata – sottolinea il responsabile della struttura di Dermatologia di Perugia – , i pazienti sono tenuti in vita con l’ausilio delle apparecchiature; del resto fin dall’inizio le loro situazioni erano apparse le più critiche. Il quadro clinico sta invece migliorando per i due pazienti trasferiti al S. Eugenio di Roma, dove si stanno valutando di iniziare il trapianto di pelle, intervento che richiederà una lunga e complessa attività da parte dei colleghi. Stessa attività – dichiara  il Prof. Stingeni all’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia- che vogliamo intraprendere nei prossimi giorni con la collaborazione dei chirurghi plastici, nei confronti del paziente ricoverato nel nostro reparto, che presenta ustioni profonde agli arti inferiori”.

Infine sono stabili e comunque non preoccupanti le condizioni dell’uomo di 73 anni che ha riportato ustioni per una superficie corporea più limitata (25%) e in ogni caso di grado meno elevato.