Dopo un 2018 positivo ecco le novità dell’Unione dei Comuni del Trasimeno

164
Musica, Trasimeno

Dopo un 2018 positivo ecco le novità dell’Unione dei Comuni del Trasimeno. Al via campagna social e nuove iniziative promozionali

Il 2018 si è chiuso con il segno più per il turismo, ma il Trasimeno non si accontenta e vuole ottenere di più. Gli otto sindaci che compongono l’Unione dei Comuni del Trasimeno, nel commentare con soddisfazione il trend positivo che si è innescato lo scorso anno, dopo la dolorosa parentesi del terremoto, vogliono valorizzare ulteriormente un’area che è importante porta di ingresso dell’Umbria e che necessita di un rinnovo della propria immagine per risultare ancora più appetibile.

Da qui le nuove iniziative promozionali sulla rampa di lancio, a partire dalla campagna social “Discovering Trasimeno”, finanziata dalla stessa Unione. Nove filmati di un minuto ciascuno, dedicati ad ognuno degli otto comuni del Comprensorio, più uno complessivo (di 2 minuti) per tutta l’area per raccontare, in maniera diversa dal passato, questi luoghi, puntando sulla freschezza e il divertimento. Gli stessi, saranno visionabili sia sul sito dell’Unione dei Comuni che su tutti i siti dei Comuni e dell’URAT. Un redazionale in lingua inglese, di quattro pagine, è inoltre pronto ad uscire nel mese di aprile nel magazine NG Traveller del National Geographic. In più, dopo la positiva esperienza del primo speciale, la trasmissione televisiva Geo&Geo tornerà ad occuparsi delle bellezze e dei saperi del Trasimeno, dedicandogli una seconda puntata.

L’Unione dei Comuni rinnova l’immagine del territorio e aggiorna gli strumenti promozionali, adeguandoli alle esigenze e richieste del mercato. Del resto, sempre più spesso arrivano richieste dai media che chiedono immagini che esaltino le peculiarità della nostra area.

“Crediamo – sostengono dall’Unione – che le sue potenzialità siano enormi; occorre che pubblico e privato continuino a lavorare insieme per implementare l’offerta soprattutto nell’ambito dei servizi”.

Intanto, come detto, fanno ben sperare i dati con cui si è chiuso il 2018. Un anno che ha visto crescere dell’8,5% gli arrivi (202.224) e del 3,5% le presenze (868.384). Come di consuetudine, una buona fetta di mercato è rappresentata dagli ospiti stranieri (464.937) che prediligono le strutture extralberghiere, nelle quali la permanenza media è di 6,37 giornate, mentre nell’alberghiero è di 3,93 giornate. Tra gli stranieri che scelgono il Trasimeno prevalgono i turisti provenienti dai Paesi Bassi (che crescono del 4,71%), dalla Germania (+15,20%), dal Belgio (+14,71%) e dal Regno Unito (+23,48%). Seguono quelli francesi e americani.

“Siamo soddisfatti di questi risultati, ma non dobbiamo fermarci qui – commentano il presidente dell’Unione dei Comuni Giacomo Chiodini e l’assessore con delega al turismo e sindaco di Castiglione del Lago Sergio Batino -. Come amministrazioni comunali occorre continuare a procedere in stretto raccordo con i soggetti privati, rafforzando la collaborazione che già da qualche anno contraddistingue questo comparto. D’intesa poi con il livello regionale è necessario creare le condizioni per mettere a disposizione in futuro nuove e più cospicue risorse che favoriscano il consolidarsi dell’offerta e la nascita di nuove iniziative. Le progettualità che saranno attivate grazie ai 4 milioni di euro provenienti dai bandi ITI dovranno servire al Trasimeno a compiere “un vero e proprio salto di qualità”. «È auspicabile – concludono Chiodini e Batino – che il territorio continui a lavorare in sinergia, qualificando l’accoglienza e la promozione, al fine di rendere ancora più attrattivo il territorio, già di per sé ricco di eccellenze culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche”.