Dal “Giorno del dono” ad un mese di “donazioni in Comune”

551

Una conferenza stampa per presentare le numerose iniziative in cantiere per il mese di ottobre di Avis Perugia, quella che si è tenuta questa mattina presso la Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori. Alla conferenza stampa presenti il Presidente AVIS Comunale Perugia, Fabrizio Rasimelli; Leonardo Varasano, Presidente del Consiglio Comunale di Perugia e Dramane Diego Wague’, assessore del Comune di Perugia con delega alla Partecipazione e Associazionismo e Roberta Migliarini, dirigente dell’Area Servizi al Personale del Comune di Perugia. La conferenza è stata occasione per presentare i tanti progetti che AVIS Perugia sta sviluppando, in collaborazione con il Comune di Perugia. Il primo appuntamento in programma è per sabato 1 ottobre 2016 alle ore 10,00 con il convegno “Welfare 4.0 – I nuovi strumenti per il sociale e la salute”, che si terrà presso la Sala Conferenze della Galleria Nazionale dell’Umbria a Palazzo dei Priori. Un incontro dove varie associazioni di volontariato e i creatori di innovative tecnologie a loro dedicate si confronteranno su come i nuovi mezzi di comunicazione e internet abbiano rivoluzionato anche il sociale. Il convegno Welfare 4.0 è uno dei tre convegni dell’evento “CITTA’ 4.0” che si svolgerà a Perugia dal 30 settembre al 1 ottobre, organizzato dall’associazione Asi Umbria in collaborazione con il Comune di Perugia, sostenuto e promosso dalla Cooperativa Servizi Associati e AVIS Perugia, che da diversi anni ormai porta avanti una campagna di comunicazione incentrata proprio sulle nuove tecnologie, al fine di mettere in rete i propri soci e sensibilizzare nuovi donatori. Il secondo appuntamento è per il 4 ottobre 2016, con l’adesione di Avis Perugia e il Comune di Perugia al “Un Dono in Comune”, dedicata al valore della generosità e della solidarietà. Aderendo a questa iniziativa nazionale promossa da Anci, il Comune di Perugia si è impegnato con l’associazione di donatori di sangue perugina in una campagna di sensibilizzazione verso la donazione, rivolta ai tutti i dipendenti comunali e alla classe politica del Municipio. Dal 4 al 16 ottobre 2016, infatti, i dipendenti e i politici comunali di tutti gli schieramenti, potranno recarsi presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia per donare.

“Questo progetto, realizzato in collaborazione con il Comune di Perugia – ha detto il Presidente Avis, Fabrizio Rasimelli – vuole essere da esempio per tutti. Speriamo che coinvolgendo in primis i rappresentanti istituzionali della nostra città che si sono impegnati a donare, anche i cittadini perugini possano seguire l’esempio. È importante che passi il messaggio che donare è bene, ma non bisogna farlo solo quando c’è un’emergenza, come è stato per il tragico terremoto che ha colpito il Centro Italia. Donare è importante sempre, per questo invitiamo tutti alla donazione costante e continuata. Le tragedie non dovranno più trovarci impreparati, almeno su questo fronte”.

“Quello che andiamo a fare il 4 ottobre e nei giorni successivi donando il sangue non è una sfilata, ma un piccolo e speriamo significativo gesto che vorremmo fosse da esempio – ha detto il Presidente del Consiglio comunale Leonardo Varasano – un gesto che ci permette di superare le nostre paure e ci ricorda che siamo tutti della stessa natura.”

Altro importante appuntamento è quello con la mostra “Festival del Dono”, organizzata da Avis Perugia per ricordare i suoi 50 anni di attività. Un mostra che vedrà esposte foto, video, arte e sculture, ma anche tanti ricordi e progetti che in questi anni l’associazione perugina ha sviluppato. La mostra, in programma dal 29 ottobre al 6 novembre 2016 presso il Centro Espositivo della Rocca Paolina a Perugia, sarà anche occasione per premiare i donatori Avis che si sono particolarmente distinti in questi anni e che hanno raggiunto: 50, 75,100 e oltre 100 donazioni. L’evento in programma vedrà il coinvolgimento anche di tantissime altre associazioni del territorio perugino. La conferenza è stata anche l’occasione per ricordare, da parte dell’Assessore Wagué, affiancato dalla dirigente Migliarini, che la donazione del sangue, così come quella degli organi e dei tessuti, si può indicare anche al momento della richiesta della carta di identità, in piena libertà e consapevolezza. Il Presidente Avis ha poi voluto ringraziare le tantissime persone che in queste settimane di emergenza hanno deciso di donare.

“Proprio in questi giorni – spiega Rasimelli – abbiamo inviato una lettera di ringraziamento agli oltre 500 donatori di sangue che si sono recati al Centro Trasfusionale dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia nei tre giorni successivi alla prima tragica scossa. Ci ha colpito positivamente la notevole presenza dei giovani, numerosi e partecipi alla causa, motivo di grande orgoglio civico, rappresentano un patrimonio per il futuro dell’intera collettività. A tutti loro va il nostro Grazie unito a quello della Comunità intera. Cogliamo l’occasione inoltre – prosegue il Presidente Avis – per ringraziare le tante aziende e associazioni che in questi giorni si sono rese disponibili a costituire Gruppi di Donatori fra i propri dipendenti e associati, come Nestlè- Perugina, Gesenu e la palestra Corpus”.