Coronavirus: popolazione e istituzioni a confronto

250
Foto: Ossola News

Coronavirus: popolazione e istituzioni a confronto. Il nuovo virus è stato l’oggetto di discussione dell’incontro: “Coronavirus:informazione e/o disinformazione? Le istituzioni rispondono ai cittadini”

In Umbria non vi sono casi sospetti di coronavirus e la situazione è del tutto sotto controllo. È questo il messaggio con cui si è aperto, nel pomeriggio di martedì 18 febbraio, l’incontro sul “Coronavirus: informazione e/o disinformazione? Le istituzioni rispondono ai cittadini”, organizzato da Comune di Perugia, Università e Regione dell’Umbria con la collaborazione di medici e scienziati. Ad affermarlo i referenti della sanità regionale, che hanno sottolineato come l’Umbria sia stata una delle prime regioni ad attivare una task force di specialisti e il numero verde a cui i cittadini possono rivolgersi (al quale, peraltro, negli ultimi giorni si sono notevolmente ridotte le telefonate, a testimonianza della crescente informazione riguardo all’emergenza).

Da più parti, nel corso dell’incontro, è venuto l’invito ad affidarsi con fiducia a medici e scienziati e alle informazioni che da essi provengono. In troppi contesti -è stato sottolineato- ci affidiamo a internet, senza chiederci che autorevolezza hanno le informazioni che vi si trovano. Al contrario, l’Università italiana e quella perugina in particolare sono una garanzia per il nostro territorio e non solo, come ha dimostrato il fatto che l’Italia è stato il primo paese ad isolare il nuovo coronavirus. Università che, a Perugia, è stato evidenziato, non ha paura e, anzi intende mandare un messaggio di solidarietà alla grande comunità cinese che studia nella nostra città.

L’attuale epidemia sta richiedendo misure specifiche per tracciarne e limitarne la diffusione dai focolai d’origine. Le conoscenze relative alla virulenza ed alla contagiosità di questo nuovo agente patogeno si aggiornano continuamente, sotto l’attento controllo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. È stato, comunque, escluso che il coronavirus -che normalmente si trasmette attraverso le gocce di saliva, tossendo o starnutendo- possa essere trasmesso attraverso prodotti e cibi provenienti dalla Cina, in quanto la sua vita è solo di alcune ore. I relatori del convegno hanno chiarito le caratteristiche del virus e le semplici azioni di prevenzione (in particolare, starnutire e tossire nei fazzoletti, lavarsi le mani spesso ed evitare incontri ravvicinati) e hanno invitato la cittadinanza a recarsi anche nelle farmacie e presso i medici di base, qualora vogliano avere informazioni ulteriori.