Coronavirus: in Umbria segnali di rallentamento della curva

76
Legionella, a Terni donna salvata grazie all'ECMO
 

Coronavirus: in Umbria segnali di rallentamento della curva. 12 morti ma tanti guariti, in farmacie manca vaccino influenza

Sembra mostrare qualche seppur timido segnale di rallentamento la curva dei contagi Covid in Umbria. Anche se nell’ultimo giorno sono stati registrati altri 12 morti per il virus, 218 dall’inizio della pandemia. Continua però a mantenersi alto il numero dei guariti, 309 in 24 ore, 5.696 complessivamente. A fronte di 4.755 tamponi analizzati, 340.853, poi, sono emersi 515 nuovi casi Covid, 16.253, con un incidenza del 10,8%. Gli attualmente postivi sono passati da 10.145 a 10.339. I ricoverati in ospedale sono scesi da 429 a 427 mentre i posti in terapia intensiva occupati sono saliti da 66 a 68. Sul fronte collegato dei vaccini antinfluenzali è emerso che attualmente non ce ne sono disponibili nelle farmacie private dell’Umbria. Augusto Luciani presidente regionale di Federfarma, la federazione che riunisce i titolari delle strutture sanitarie ha spiegato all’ANSA che

“l’anno scorso ne erano state distribuite circa otto mila dosi”.

“Mentre in questo – ha aggiunto – ne avevamo chieste il doppio ma ce ne dovrebbero essere fornite non più di 3 mila. Nessuna finora disponibile”.

Prosegue invece regolarmente la campagna di vaccinazione avviata dalla Regione per le categorie a rischio. Ambito nel quale non vengono segnalate carenze nella fornitura.