Consegnato il Baiocco d’oro al professor Marco Carini

310
   

Il professore Marco Carini, già direttore del Dipartimento di Urologia dell’Azienda Ospedaliero–Universitaria Careggi di Firenze, professore ordinario di urologia presso l’Università degli Studi di Firenze e direttore della Scuola di specializzazione in urologia, è stato insignito del Baiocco d’Oro del Comune di Perugia.

La cerimonia di consegna si è svolta questa mattina nella sala della Vaccara di Palazzo di Priori alla presenza del sindaco di Perugia, Andrea Romizi, di Andrea Pedetta e Attilio Solinas, rispettivamente presidente e vice presidente del Rotary Club Perugia di cui l’amministrazione comunale ha condiviso la segnalazione, e di numerosi amici del professore.

Il Baiocco è stato conferito a Carini in quanto professionista e chirurgo di elevatissimo livello, nonché persona dotata di gentilezza e disponibilità nei confronti di tutti e, in particolare, dei concittadini che con fiducia si sono rivolti e si rivolgono a lui. Il professore – si legge ancora nella motivazione dell’onorificenza – ha saputo mantenere forte e costante nel tempo il legame con la città in cui è nato e dove ha avviato gli studi e conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia.

Pedetta e Solinas, indicando i motivi dell’iniziativa promossa dal Rotary, hanno rimarcato sia il rapporto mai venuto meno tra Carini e la sua regione sia il suo ricco curriculum scientifico.

Il professore si è laureato presso l’Università degli Studi di Perugia a pieni voti nel 1976, conseguendo poi il diploma di specializzazione in Urologia presso l’Università degli Studi di Firenze sempre con il massimo dei voti nel 1979. Quindi è stato ricercatore, professore associato e ordinario di Urologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Firenze. Tra gli ultimi incarichi ricoperti si annovera quello di direttore del Dipartimento oncologico e di chirurgia a indirizzo robotico.

“Carini – ha ricordato in particolare Solinas – si trasferì a Firenze per frequentare la scuola di urologia diretta dal professore Costantini, una delle più prestigiose; vanta al suo attivo oltre 500 pubblicazioni e importanti incarichi in ambito accademico ed è stato un innovatore attraverso l’introduzione della robotica e della litotrissia. Tra i riconoscimenti da lui ottenuti, c’è il primato di casistica operatoria con oltre 40mila interventi chirurgici eseguiti come primo operatore. Sotto la sua direzione, la Clinica Urologica di Firenze ha raggiunto traguardi significativi in particolare per numero di interventi di neoplasie renali, prostatiche e vescicali e per terapia conservativa”.

“Anche se per oltre 40 anni ho esercitato a Firenze – ha detto in conclusione il professor Carini – sono estremamente grato a Perugia. Venticinque anni di certo formano una persona e ciò che sono lo devo alla formazione che ho anzitutto ricevuto nella mia città”.