Castiglione del Lago: Ragni e Pelli insieme per Tullio Macoggi al Festival di Musica Classica

624
Riqualificazione per l'ospedale di Castiglion del Lago. Il progetto prevede anche l'ampliamento del polo sanitario del Trasimeno
 

Si intitola “Tutti i colori della natura: il pianoforte di Tullio Macoggi” il concerto che domani, sabato 29 agosto riempirà di note Palazzo della Corgna a Castiglione del Lago nell’ambito del XI Festival di Musica Classica. Stefano Ragni e Giuseppe Pelli, entrambi docenti al Conservatorio di Perugia, hanno deciso di dedicare ad uno dei loro maestri il concerto di Castiglione in occasione dei trent’anni della morte del pianista milanese ma umbro d’adozione. Il Duo Macoggi nasce infatti dalla comune appartenenza alla scuola di Tullio Macoggi (1912-1985) pianista milanese apprezzato per il suono prezioso e per la lettura timbrica della tastiera. In tal senso il duo, che supera il ventesimo anno di una attività che lo ha visto spaziare dall’Europa, agli Stati Uniti all’America Latina, si fa depositario di una lezione resa ancor più significativa dal ricordo e dalla testimonianza di un’umanità ricca di stimoli legati alla grande lezione della natura e del paesaggio umbro. Il perugino Stefano Ragni, pianista, musicologo, docente al Conservatorio Morlacchi di Perugia, è anche un brillante conferenziere e quotato saggista di formazione umanistica e filosofica. Giuseppe Pelli, diplomatosi con brillanti risultati presso il Conservatorio di Musica “F. Morlacchi” di Perugia, ha seguito corsi di perfezionamento e di interpretazione musicale sotto la guida del Maestro Tullio Macoggi e di Lya De Barberiis. Di particolare rilievo la sua attività concertistica in America del Sud e negli Stati Uniti d’America Titolare della cattedra di Pianoforte presso il Conservatorio di Musica di Perugia, Giuseppe Pelli è docente di Pratica al Pianoforte nel Corso di Diploma Accademico di II livello nello stesso Conservatorio di Musica.