Artigianato e Ceramica: a Roma per inclusione del settore  nel DL Ristoro-Bis

102
 

Artigianato e Ceramica: a Roma per inclusione del settore  nel DL Ristoro-Bis. Parteciperanno il sindaco Toniaccini e una delegazione del Comitato Artigiani Ceramisti Deruta

Saranno ricevuti, a Roma, davanti a Palazzo Madama, da una rappresentanza di parlamentari, il sindaco di Deruta, Michele Toniaccini e una delegazione del Comitato Artigiani Ceramisti Deruta, presieduta dalla presidente Annalisa Mordenti. Ai parlamentari sarà consegnato il documento contenente i cinque punti essenziali per la tutela e la sopravvivenza del settore della ceramica.

Redatto assieme al Comitato degli Artigiani di Deruta, il documento era stato già inoltrato al premier Giuseppe Conte, alla governatrice Donatella Tesei e ai Parlamentari. Inoltre era stato precedentemente condiviso con le associazioni di categoria e sottoposto all’attenzione dell’Aicc, l’associazione italiana delle città della ceramica e dell’Associazione umbra La strada della ceramica.

Nel documento, si parte dall’esclusione del settore nel dl Ristoro-bis e si propongono misure configurabili come strategie di breve periodo, che possano in qualche modo risollevare o quantomeno contrastare il declino del settore: ristoro, come avvenuto nel precedente lockdown, che vada a coprire almeno in parte i mancati ricavi; esonero dal pagamento dei contributi INPS per il periodo di limitazione agli spostamenti che hanno colpito il turismo, settore strettamente correlato alla ceramica artistica; esonero dal pagamento della TARI; sconti sulle utenze (energia elettrica, calore); posticipo del pagamento dell’IVA.

La ceramica è un settore strettamente legato al turismo, ormai completamente assente, che necessita urgentemente di misure tese a garantire la sopravvivenza delle piccole imprese, affinché possano poi attuare le strategie necessarie alla promozione del territorio, in attesa di una ripartenza che si prevede essere ancora lontana.