Al via “Destate la notte 2020 contagio d’allegria”

127

Al via “Destate la notte 2020 contagio d’allegria”. Presentato a Palazzo della Penna il programma degli eventi estivi

Questa mattina, presso il Salone di Apollo di Palazzo della Penna, l’assessore alla cultura Leonardo Varasano ha presentato il programma di Destate la notte 2020, cartellone degli eventi estivi culturali del Comune di Perugia. Presente all’incontro anche l’assessore al turismo Gabriele Giottoli.

Eventi, spettacoli ed intrattenimento nei luoghi più suggestivi della città, ma anche nelle frazioni e in periferia. Protagonista la musica, con un ampio ventaglio di scelte che spaziano dalla classica al jazz. Ma non saranno notti di sole note, perché ci sarà spazio per molto altro: mostre, cinema, spettacoli e intrattenimento, senza dimenticare i bambini.

“La notizia – ha commentato l’assessore Varasano aprendo la conferenza – è che abbiamo un programma di eventi estivi. Cosa non scontata perché, fino ad un mese fa, per diverse ragioni (bilancio di previsione non ancora approvato, restrizioni legate all’emergenza sanitaria) il progetto appariva un’ipotesi remota. Oggi, al contrario, siamo in grado di presentare un programma articolato, ricco e vario, ma ancora aperto ad ulteriori modifiche e miglioramenti. Il programma ha uno slogan particolare: “contagio d’allegria”, perché è legato al fortissimo desiderio da parte di tutti di tornare a stare insieme nel pieno rispetto, evidentemente, delle regole post-covid 19. Oggi, però, vogliamo mandare un messaggio positivo alla città, con la speranza che si possa, con questo gesto, contribuire a ripartire verso la normalità”.

Il programma di Destate la notte 2020 prevede cinema, musica, arte, opera lirica, spettacoli per bambini e tanto altro.

Entrando nel dettaglio del cinema, Varasano ha parlato di assoluta novità per l’estate perché, accanto al tradizionale cartellone del Frontone, è stato realizzato un programma di proiezioni all’aperto itineranti, in collaborazione tra vari operatori cinematografici, che tocca diverse zone della città:

“un progetto – spiega Varasano – che sviluppa un’idea dell’Assessorato, ossia di portare gli eventi in tutte le frazioni periferiche di Perugia”.

Accanto alle novità non mancano, ovviamente, le conferme: il riferimento è ai concerti della rassegna Musica dal mondo, oppure ai concerti all’alba ed al tramonto, a cura di Umbria Ensemble, che si snoderanno tra i giardini Carducci (16 e 23 agosto) e Monte Ripido (24 luglio, 4 agosto, 30 agosto). Senza dimenticare la grande lirica, con la Tosca in programma il 28 agosto al Frontone.

Altro settore importante riguarda gli spettacoli per bambini, con Figuratevi presso l’Arena del Borgo bello in via del Cortone e rappresentazioni teatrali a Pian di Massiano.

L’assessore ha spiegato inoltre che il programma estivo sarà contraddistinto da un’ulteriore gradita novità: nel segno dell’arte contemporanea, dal 6 agosto (inaugurazione) all’11 ottobre a palazzo della Penna (Museo Civico) si terrà l’esposizione Art Monster, contaminazione aliene nell’Umbria contemporanea, rinnovata e ricca di sorprese.

La scelta di inaugurare la mostra il 6 agosto non è casuale: ed infatti si è scelto di partire in questa data per creare una contaminazione ideale con l’edizione, seppur ridotta rispetto al consueto, di Umbria Jazz, al via dal 7 al 10 agosto. Un’edizione – ha tenuto a precisare l’assessore – sì ridotta ma comunque importantissima e fortemente voluta dall’Amministrazione comunale che, nonostante le tante difficoltà dovute all’assenza del bilancio ed all’emergenza sanitaria, ha voluto confermare il sostegno economico e logistico alla manifestazione.

In conclusione di intervento Varasano ha inteso rappresentare quello che è stato ed è il senso del progetto Destate la notte 2020. “C’è stata, come avrete capito, una fortissima volontà di ripartire, pur essendo emerse nel tempo tre tipologie di difficoltà: in primis le limitazioni dovute alle stringenti regole sul distanziamento sociale post covid-19; in secondo luogo la paura che ancora serpeggia tra la popolazione. Infine la scarsità delle risorse economiche in considerazione della mancanza di un bilancio di previsione, i cui termini di approvazione sono stati rinviati dal Governo al prossimo settembre, costringendo i Comuni, Perugia compreso, ad operare per “dodicesimi”.

“Per questa ed altre ragioni siamo contenti di essere riusciti nell’impresa di offrire questo cartellone così ricco e vorremmo che da questa conferenza di presentazione emergessero la volontà e lo sforzo del Comune confluiti nel progetto nonostante le avversità. Ricordo che di fronte alle medesime criticità tanti Comuni italiani si sono arresi rinunciando ad offrire la rassegna di eventi estivi. A Perugia questo non è successo e ne siamo a diritto orgogliosi”.