Accordo tra la Regione Umbria e il Comune di Terni per interventi nel sociale

693
 

“Con la firma di oggi si compie un importante passo avanti verso la fase operativa degli interventi del programma di sviluppo sostenibile di Terni relativi all’inclusione sociale e alla lotta alla povertà previsti dall’Agenda Urbana”

: lo ha detto il vice presidente della giunta regionale dell’Umbria e assessore all’Agenda Urbana, Fabio Paparelli, sottoscrivendo stamani, a Terni, insieme al sindaco della città Leopoldo Di Girolamo l’accordo di collaborazione con il quale vengono regolati i rapporti tra Regione Umbria e Comune di Terni per dare attuazione concreta agli interventi programmati.

“L’agenza Agenda urbana di Terni – ha ricordato Paparelli – comprende anche, per l’area più strettamente riferita al sociale, la dimensione ‘people’ attraverso strumenti per il welfare attivo e l’empowerment della comunità locale. Si tratta di interventi specifici per quasi un milione 300 mila euro, di cui un milione provenienti dal Por FSE 2014-2020 della Regione Umbria, rivolti alle politiche giovanili, ai centri famiglia, ai servizi educativi territoriali e all’innovazione sociale”.

Entrando nel merito delle azioni attivabili Paparelli ha spiegato che “per le politiche giovanili è prevista un’azione socio educativa di strada, con operatori che nel territorio innescano processi di partecipazione e costruzione di pratiche condivise nei luoghi maggiormente affollati di giovani, e attività laboratoriali itineranti su due tematiche prioritarie riguardanti l’espressività artistica, l’animazione sociale e la cura del territorio. Per quanto riguarda i Centri famiglia – ha aggiunto – si intendono potenziare alcuni servizi rivolti al lavoro di cura delle famiglie e della genitorialità anche attraverso gruppi di mutuo aiuto tra genitori svolti dagli uffici della cittadinanza, laboratori culturali svolti in integrazione con la biblioteca comunale, attività in collaborazione con istituti scolastici e ASL in aree dove sono presenti situazioni di rischio, servizio incontri protetti”.

“Inoltre verranno sostenuti servizi rivolti ai minori. Per i servizi educativi territoriali si lavorerà alla messa a sistema di una serie di servizi ed interventi integrati, relativi a quattro macroazioni tra loro interconnesse: interventi socio-educativi di comunità, intervento educativo di comunità per inclusione socio-lavorativa, interventi sussidiari in ottica intergenerazionale, interventi sussidiari per conciliazione vita-lavoro mentre – ha proseguito – per l’innovazione sociale sono previste azioni di animazione socio-educativa in due aree urbane che sono il complesso verde centrale che circonda le mura storiche, cioè i Giardini storici passeggiata, parco Ciaurro e viale delle mura, e la fascia dei quartieri limitrofa al centro”.

“In attesa del trasferimento delle risorse il Comune di Terni sta già lavorando ai bandi – ha dichiarato il vicesindaco Francesca Malafoglia – che assegneranno la prima tranche delle risorse al terzo settore, alle imprese sociali, alle associazioni, e in parte, ai cittadini che presentano progetti e idee innovative. I fondi saranno utilizzabili per le politiche giovanili, i centri famiglia, i servizi educativi a supporto dei minori e dei loro genitori e per l’innovazione sociale, cioè le azioni di rigenarazione urbana per la rivitalizzazione di aree della città e del tessuto sociale ad esso legato. I bandi saranno operativi dalla fine del mese di ottobre e recepiscono le indicazioni emerse nell’ambito del percorso partecipativo Smart People. Siamo di fronte a un quadro della finanza locale che penalizza soprattutto il sociale – ha concluso Malafoglia, la capacità operativa del Comune di Terni, l’interlocuzione della Regione, il pronto utilizzo delle opportunità offerte dai fondi europei, ci consente di reperire risorse ingenti e preziosissime, che vanno a salvaguardare il livello dei servizi, e a incentivare le politiche di innovazione sociale e di rimodulazione dei servizi stessi”.