A Perugia rivive il Subway, da disco anni ’90 a radio on-line

113

Ideata da Ferdinando Florio, l’emittente in meno di un mese ha già coinvolto decine di Dj, migliaia di followers e spopola sulla piattaforma Mix Cloud

C’era una volta a Perugia il Subway, con l’ingresso sulle scalette del belvedere di Porta Sole e quei saloni nele viscere della città vecchia. Un locale frequentato da generazioni di perugini, stranieri e studenti che negli anni ’90 lo avevano eletto come uno dei ritrovi per eccellenza delle notti nell’acropoli.

Ma adesso quel club non è più solo un ricordo. Perché da poco meno di un mese un gruppo di disc jockey dell’epoca e non solo, sicuramente nostalgici ma anche con la voglia di mixare ancora, ha fatto nascere Radio Subway Underground. Un’emittente on-line, che per ora “gira” sulla piattaforma Mix Cloud in diretta ogni sabato e domenica dalle 18 alle 24 e ogni giorno per il successivo ascolto dei podcast, in attesa di ampliare la programmazione. E che grazie anche alle decine di condivisioni su Facebook dei link che partono dalla pagina ufficiale, ha già raggiunto oltre 10.000 ascoltatori singoli e circa 1.500 followers fidelizzati.  A far accendere la lampadina di quello che vuol diventare un vero e proprio progetto è stato Ferdinando Florio, napoletano ma di origini molisane che ha all’attivo vita notturna di lungo corso al Subway e non solo e oggi vive in Russia nella fredda San Pietroburgo. Ma siccome internet non pone confini, è stasto un attimo raccordarsi con gli amici perugini di sempre Matteo Bini e Alex Consalvi e fondare Radio Subway Underground. “Filo conduttore – spiega Florio – soltanto la passione per la musica e la capacità di organizzare. Insieme alla richiesta ai dj che aderiscono al progetto di saper trasmettere le proprie competenze musicali, magari raccontandosi attraverso le stesse. Memori delle interminabili serate al Subway di Porta Sole, siamo riusciti a creare un eterno abbraccio, travolti dall’entusiasmo di tutti”.

E creare il palinsesto non è stato complicato, riuscendo a spaziare dalla dance all’house, dalla techno all’elettronica, con sfumature musicali che sanno trasmettere solo i “Portatori di Passione”. E’ con questo termine che amano definirsi i dj (umbri e non solo) che si alternano in autentiche performance sotto il segno della qualità: dai citati Florio, Bini e Consalvi a Luca Belladonna, Fernando Zerbini “Dj Fred”, Marco Deejay Bartolucci, Michele Campanaro “Dj Foca”; dalle “girls” Gilda Alberigi, Francesca Paggi “Miss P!” e Michellè Michellè, a Mirko Alimenti, Zeno Testoni, Giuseppe Piti “Dj Piti”, Leonardo Coconi “Dj Zì Leo”, Gimmy Barbetta “Dj Gimmy”, Luca Santoro “Dj Luca S”, Filippo Garofanini “Dj Bilowi”, Roberto Ugolini, Gianluca Caggegi “Dj Luke”, Vincenzo Fiorucci “Dj Da Vinz”, Giorgio Narduzzi “Gio_N”, Paolo Pirro “Paolo Movida Dj”, Achille Lombardi. “Altri stanno aderendo aggiunge il fondatore – ma al di là dei contributi musicali lo scopo è “di coinvolgere tutti gli amici di una volta, tenere sempre viva la loro voglia di musica e far trascorrere bei momenti a tutte le persone attratte dal nostro sound”.

Una formula che appare vincente se è vero che c’è già un primo importante riscontro: il programma Techno di Alex Consalvi dopo essersi piazzato in 26esima posizione è attualmente alla 13esima nella classifica Techno di Mix Cloud, immediatamente alle spalle di autentici guru della musica Techno come Armin van Buuren che ha all’attivo ha oltre 9 milioni di followers. Una bellissima soddisfazione per questa giovane radio che piano piano punta anche ad organizzare eventi live, culturali e musicali (pandemia permettendo), abbinandosi per esempio a quello organizzato insieme ad Omar Erfan (fondatore del gruppo facebook “Perugia Tempi d’Oro”) e rinviato causa covid a data da destinarsi, che riporterà appena possibile a Perugia centinaia di studenti stranieri.