Umbria mobilità: Au, problemi da Roma

581
 

Umbria mobilità: Au, problemi da Roma. Bufaloni ha riferito che Um è impegnata nella “difficile” operazione di recupero dei crediti “romani”

La costituzione della società Roma Tpl (2010), con soci paritari Umbria mobilità, Cotri e Vtm Marozzi, per gestire alcune linee periferiche della Capitale, e la fusione tra le società umbre di trasporto (Apm, Atc, Ssit e Fcu) che avrebbe portato alla costituzione della società Umbria tpl e mobilità: queste le due vicende che, secondo l’amministratore unico di Um, Ferruccio Bufaloni, sarebbero alla base delle attuali difficoltà finanziarie dell’azienda regionale della mobilità, così come le ha descritte lui stesso nella commissione del consiglio regionale che sta approfondendo la materia.

Bufaloni ha riferito che Um è impegnata nella “difficile” operazione di recupero dei crediti “romani”.

Rispetto alla fusione originaria, ha spiegato che la nuova società ha ereditato partecipazioni, contratti e difficoltà economico-finanziarie di realtà diverse fra loro.

(Fonte: ansa.it)