Umbria: la nuova Guida di Repubblica è in edicola

179
 

Umbria: la nuova Guida di Repubblica è in edicola. Dopo le testimonianze di Gianni Morandi e Carlo Conti, gli itinerari alla scoperta del bello e del buono in ogni angolo della regione, tra natura, storia, cultura e grandi sapori di territorio

Vivere la propria vacanza in spazi aperti, con la possibilità di scoprire il bello e il buono di ogni frammento di territorio. In Umbria è possibile, ed è proprio ai luoghi della natura e del silenzio di cui è ricca la regione che è dedicata l’ottava edizione della Guida di Repubblica. Il volume conduce, attraverso 21 itinerari, tra la Valnerina e la Valle del Menotre, tra il Monte Peglia e il Monte Cucco, passando per i Sibillini e la Cascata delle Marmore. E se la spiritualità pervade il Subasio, incredibili scoperte archeologiche arricchiscono la visita alle Gole del Bottaccione, nelle vicinanze di Gubbio. Ancora un tuffo nel passato nel Parco di archeologia arborea di San Lorenzo di Lerchi, ma qui protagonista è la riscoperta di frutti ed erbe che il tempo rischiava di cancellare, e che invece qui si mostrano in tutta la loro genuinità. In regione non c’è il mare, ma non mancano certo destinazione “acquatiche” di grande richiamo, tra il parco fluviale del Tevere e quello del Nera, il lago di Corbara e il Trasimeno, fino al fascino delle fonti del Clitunno. Grande evidenza per i prodotti tipici di ognuna delle aree toccare e per le ricette della tradizione, alle quali sono dedicate intere pagine con foto e spiegazioni dei passaggi. Si incontrano allora i manfricoli di Narni e le preparazioni a base di cinghiale, gli gnocchi al Sagrantino e le carni alla “leccarda”, fino al pesce del Trasimeno e al liquore alle visciole. A seguire quasi 900 consigli su dove mangiare, dove dormire, cosa comprare, i produttori di vino e quelli di olio in ogni area.

Ad aprire la Guida sono due testimonial d’eccezione, Gianni Morandi e Carlo Conti, protagonisti solo poche settimane fa ad Assisi di “Con il Cuore, nel nome di Francesco”.

“Se ci penso bene bene – afferma il cantante – se ripenso a tutta la mia carriera, be’, ho suonato più volte qui, in questa regione, che in qualsiasi altra parte d’Italia”. Per il presentatore Rai “l’Umbria è veramente una di quelle destinazioni da non perdere, da visitare il prima possibile per scoprire le realtà che la caratterizzano, l’ospitalità che la contraddistingue e i prodotti che sa offrire. Non c’è che dire, questa regione la sento molto vicina veramente. Ogni volta che torno, qui sono a casa”.

“Da sempre – afferma nell’introduzione il direttore delle Guide di Repubblica Giuseppe Cerasa – l’Umbria ha adottato il metodo del distanziamento, della lentezza, del silenzio, della contemplazione, della estrema difesa e tutela del proprio patrimonio artistico e paesaggistico, del rispetto del verde e di ritmi di vita e di vacanza eco compatibili. È nel suo dna, è una sorta di biglietto da visita che ha ispirato slogan e suggestioni (ricordate la campagna Umbria cuore verde d’Italia?). E che adesso in tempo di post (speriamo) pandemia, in tempo di vacanze di vicinato da fare in estrema sicurezza, la regione si candida ad essere un sicuro punto di riferimento e di attrazione per quanti vogliano spostarsi in tranquillità, possibilmente a poca distanza dalla propria residenza, non rinunciando alle bellezze dell’Italia, al confort, alla natura, alle città d’arte, ai borghi storici, ai percorsi fortemente attrattivi, lontani dalla pazza folla di un tempo”.

Il volume è in edicola e in libreria a 10,90 euro più il prezzo del quotidiano, e a breve sarà online su Amazon, Ibs e al link ilmioabbonamento.gedi.it/iniziative/guide

Per restare aggiornato su tutte le iniziative delle Guide di Repubblica segui la nostra pagina Facebook al link facebook.com/leguiderepubblica