Terremoto. Ingv: “Deformazioni sul suolo per 130 km quadrati”

700

“Una deformazione che si estende per un’area di circa 130 chilometri quadrati, con uno spostamento massimo di almeno 70 cm localizzato nei pressi di Castelluccio” è stata rilevata, spiega Riccardo Lanari, direttore del Cnr-Irea, da una analisi delle immagini radar della costellazione Sentinel-1 sul terremoto del 30 ottobre che ha colpito le province di Macerata e e Perugia. Dopo quell’evento sismico, registrato domenica alle ore 7:40 con magnitudo 6.5, sono stati localizzati complessivamente oltre 1.100 scosse, segnala l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Ma quella del primo novembre, avvertita alle 8:56 tra Marche e Umbria con epicentro tra i comuni di Acquacanina e Fiastra in provincia di Macerata, con magnitudo 4.8, è la più forte, dopo quella del 30 ottobre.