Ponte della Baucca, il consigliere della Lega Dominici chiede chiarimenti

152
A seguito delle segnalazioni da parte dei cittadini residenti nella zona, il consigliere provinciale della Lega Giovanni Dominici ha presentato una interrogazione per avere chiarimenti sulla situazione relativa al ponte della SP 106 presente in località Baucca/Sasso nel Comune di Città di Castello.
“Il ponte in oggetto – scrive Dominici nell’interrogazione – era strutturalmente in uno stato di precarietà: mancavano le spallette di protezione, la carreggiata era ristretta e nell’arcata qualche sasso era divelto. Ciò consentiva il transito a tutti i mezzi senza distinzione di peso. Sul piano di miglioramento la Provincia di Perugia ha messo in atto la sistemazione del ponte al km. 19,00 in località Baucca/Sasso nel Comune di Città di Castello, usufruendo di mezzi che a pieno carico superano le 50 tonnellate, come camion per il trasporto del bitume, macchine operatrici di ogni genere e le autobotti per la messa in opera del calcestruzzo sul relativo ponte”.
“Al termine dei lavori ben eseguiti – prosegue il consigliere leghista – vi è stato posto un cartello che limita il transito di mezzi pesanti a 20 tonnellate. Questa limitazione di peso al transito sul relativo ponte ricadente sulla viabilità non consente più ai mezzi sopra le 20 tonnellate come: autobotti per il soccorso antincendio, camion per la raccolta dei rifiuti, macchinari per la riparazione della strada, mezzi della Comunità Montana per le operazioni agroforestali, mezzi dei cittadini che devono fare interventi strutturali di ogni genere e per il mondo agricolo. Come è bene far notare, nel consolidamento del ponte hanno operato mezzi per la rete metallica e per il calcestruzzo a pieno carico sopra le 50 tonnellate e che hanno eseguito i lavori sopra il ponte stesso per realizzare una platea. Tale limite di 20 tonnellate danneggia una comunità che per qualsiasi esigenza dovrà avvalersi di piccoli mezzi o sarà costretta a percorrere tratti alternativi molto più lunghi con costi esorbitanti, ma soprattutto non avrà più il supporto rapido di intervento in caso di calamità /incendio e rifornimenti”
Infine, nell’interrogazione Dominici chiede alla presidente della Provincia di Perugia Stefania Proietti “quali soluzioni saranno adottate dall’Ente per fare in modo che tale tratto torni a essere transitabile da tutti i mezzi come era prima dei lavori di ristrutturazione”.